Dpcm: ecco le Regioni rosse e arancioni

4 Novembre 2020 | Autore:
Dpcm: ecco le Regioni rosse e arancioni

Il premier Conte ha comunicato la classificazione delle tre zone e ha illustrato le misure restrittive che entreranno in vigore venerdì 6 in ciascuna area.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha sciolto stasera in conferenza stampa il “mistero” sulla classificazione delle Regioni nelle tre diverse aree di rischio: quella rossa, dove in base al nuovo Dpcm, che entrerà in vigore venerdì 6 novembre, le restrizioni saranno massime, quella arancione, dove saranno intermedie, e quella gialla, dove saranno minime, cioè solo quelle previste in maniera standard dalle norme anti-Covid, come il coprifuoco dalle 22 alle 5.

Le Regioni rosse, a criticità elevata, sono quattro: Calabria, Piemonte, Lombardia e Val D’Aosta. Le Regioni arancioni, a criticità medio-alta, sono due, Puglia e Sicilia. Tutte le altre Regioni italiane (e le province autonome di Trento e Bolzano) sono state inserite in fascia gialla: si tratta di Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Veneto, Toscana, Lazio, Umbria, Friuli Venezia Giulia, Marche, Liguria, Sardegna e Molise.

Nelle Regioni dichiarate zone rosse sarà vietato ogni spostamento da o verso l’esterno ed anche all’interno dei territori; gli spostamenti interni – ma non quelli al di fuori dei confini regionali – saranno invece ammessi nelle Regioni arancioni. Quindi ci si potrà muovere all’interno dei Comuni di residenza e solo per esigenze lavorative, di salute o di assoluta necessità, e muniti di autocertificazione.

Le Regioni rosse subiranno anche il lockdown parziale:  saranno chiusi quasi tutti i negozi e le attività commerciali tranne quelli essenziali, come gli alimentari, le farmacie, le edicole, le tabaccherie, le lavanderie ed anche parrucchieri e barbieri (leggi zone rosse: l’elenco dei negozi che resteranno aperti). E le scuole rimarranno in presenza solo per le elementari e la prima media (leggi questo articolo per esaminare le altre restrizioni per le zone rosse e arancioni).

Questi specifici divieti non valgono invece per le Regioni gialle, dove vigono le norme generali stabilite a livello nazionale dall’ultimo Dpcm (leggi cosa si può fare e cosa no). Nessuna Regione italiana, al momento, è stata inserita nell’elenco delle Regioni “verdi”, dove il rischio di contagio è minimo.

Le Regioni più a rischio sono state individuate sulla base dei dati epidemiologici sull’andamento dei contagi e sono state inserite in un’ordinanza appena emanata dal ministro della Salute. Ma la situazione non è definitiva: le informazioni verranno costantemente aggiornate e il premier Conte ha prefigurato che «se i dati epidemiologici miglioreranno per almeno 14 giorni avremo misure meno restrittive»; così come altre Regioni, se i dati peggiorassero, potrebbero essere inserite nella lista arancione o in quella rossa.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube