Zone rosse Covid: limitazioni in condominio

5 Novembre 2020 | Autore:
Zone rosse Covid: limitazioni in condominio

Chi possiede un appartamento in un Comune diverso dal suo o in un’altra regione interessata dalle restrizioni non potrà partecipare alle assemblee.

Ci sono delle norme non scritte nel nuovo Dpcm anti-Covid che, però, sono delle dirette conseguenze dei divieti imposti dal provvedimento del Governo. Una di queste riguarda il condominio, dove possono sorgere dei problemi non certo trascurabili.

Come noto, il Dpcm ha diviso il Paese in tre aree in base al livello di rischio: zone gialle, zone arancioni e zone rosse. In queste ultime due, ma soprattutto nelle quattro regioni indicate come zone rosse (Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Calabria) ci sono forti restrizioni che riguardano la mobilità delle persone. Una sorta di lockdown che obbliga i cittadini a restare a casa se non per motivi di necessità o di lavoro e di non uscire dal proprio Comune di residenza se non per le stesse ragioni.

Il decreto del presidente del Consiglio, inoltre, raccomanda di tenere le riunioni private in videoconferenza. Questo significa che non è possibile fare un’assemblea di condominio in presenza. Il che può comportare delle difficoltà, ad esempio, per approvare delle delibere sul superbonus del 110% o su altre questioni.

Il problema si può porre nel caso in cui nel condominio ci siano degli appartamenti di proprietà di persone che non abitano nello stesso Comune in cui si trova l’edificio, ad esempio chi ha messo in affitto delle unità immobiliari. Peggio ancora se il proprietario abita in una regione diversa da quella che si trova nella zona rossa o nella zona arancione: il Dpcm vieta l’ingresso e l’uscita in questi territori se non per motivi di estrema necessità.

Va da sé che l’assemblea di condominio non è considerata una ragione «di estrema necessità», non è certo un motivo di salute che consente lo spostamento e può essere motivo di lavoro solo per l’amministratore del condominio. Se ne deduce che le assemblee dovranno essere rinviate.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. L’articolo non menziona il fatto che, perchè la convocazione dell’assemblea su piattaforma di videoconferenza sia valida, è necessario che tutti i condomini abbiano dato consenso. Di fatto basta un solo condomino per bloccare qualunque decisione. Effetto devastante e dannipotenzialmente gravissimi in un momento come quello attuale in cui si possono deliberare i lavori per sfruttare l’ecobonus.

  2. Le FAQ del Ministero dell’interno legate al DPCM dicono altro. Che le riunioni si possono fare nel rispetto delle disposizioni. !!!!!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube