Diritto e Fisco | Articoli

Come rifare la carta d’identità rubata?

8 Gennaio 2021 | Autore:
Come rifare la carta d’identità rubata?

Come puoi denunciare il furto della carta di identità? Qual è la procedura da seguire per il rilascio del duplicato e quali sono i costi?

Hai subìto il furto del portafoglio, dove tenevi conservata la carta di identità. Ora, ti aspetta tutta la trafila burocratica al fine di ottenerne il duplicato ma non sai da dove iniziare. Non preoccuparti, però, perché in questa articolo troverai spiegato come rifare la carta di identità rubata. Innanzitutto, devi rivolgerti alle forze dell’ordine, ovvero alla polizia o ai carabinieri, recandoti di persona in questura o in una caserma per denunciare il furto.

Puoi presentare la denuncia anche utilizzando l’apposita procedura telematica, collegandoti ai rispettivi siti istituzionali. Sebbene la legge non prevede un limite temporale alla presentazione della denuncia, è bene che tu la sporga al più presto al fine di evitare che il documento rubato venga utilizzato per scopi illeciti. Inoltre, senza la denuncia il Comune non può emettere il duplicato della carta di identità. Tieni presente anche che se la carta di identità rubata non è ancora scaduta, la richiesta del duplicato devi farla entro i termini di validità del documento stesso.

Come denunciare il furto della carta di identità di persona

Se ti rechi di persona dalla polizia di stato o dai carabinieri a denunciare il furto della carta di identità, ti viene richiesto di compilare un apposito modulo nel quale, di solito, devi dichiarare:

  1. le tue generalità (nome, cognome, data e luogo di nascita, residenza);
  2. il codice fiscale;
  3. il recapito telefonico;
  4. la tipologia del documento rubato (nella specie la carta di identità);
  5. la descrizione delle circostanze del furto (il giorno, l’ora, il luogo dove si è verificato e le modalità ad esempio uno scippo).

Le forze dell’ordine ti rilasciano l’originale della denuncia, che dovrai esibire in Comune quando ti recherai per richiedere il duplicato della carta di identità.

Come denunciare il furto della carta di identità online

Puoi sporgere denuncia anche online ma solo se il furto è stato commesso da ignoti oppure se la denuncia non richiede per complessità o gravità, la presenza dell’ufficiale di polizia giudiziaria.

Più precisamente a tal fine devi accedere ai siti istituzionali della polizia di stato o dei carabinieri e seguire l’apposita procedura telematica. In entrambi i casi dovrai, poi, recarti presso la questura o la caserma selezionata per sottoscrivere la denuncia, dandogli così valore legale.

Ti faccio un esempio: se scegli i carabinieri, devi andare su Google e digitare www.extranet.carabinieri.it/DenunciaWeb/denuncia.aspx. Nella schermata che si apre, devi cliccare su “Denuncia vi@web-Carabinieri” e compilare i vari campi richiesti.

Al termine, il sistema ti rilascia una ricevuta contenente un codice identificativo ed un codice di attivazione della denuncia, che devi presentare, entro 2 giorni, al comando stazione / tenenza prescelto o, per sopraggiunte esigenze, presso un altro comando.

Al tuo indirizzo di posta elettronica, inoltre, riceverai dal comando dei carabinieri attivato, un messaggio di conferma o di rettifica dell’orario e della data di preferenza da te indicato per recarti presso quel reparto per firmare l’atto.

Per la denuncia telematica alla polizia di Stato devi accedere al sito www.denunceviaweb.poliziadistato.it.

Come chiedere in Comune il duplicato della carta di identità rubata

Dopo avere presentato la denuncia di furto della carta di identità, il passo successivo è quello di chiederne il duplicato in Comune.

Se fai la richiesta in un Comune diverso da quello in cui hai la residenza, prima devi ottenere il nulla osta del tuo Comune di residenza.

Per il duplicato della carta di identità devi presentare:

  • tre fotografie formato tessera frontali, uguali e recenti a capo scoperto, tranne se la copertura del capo è imposta da motivi religiosi, purché il tuo viso sia ben visibile;
  • un documento di riconoscimento valido diverso dalla carta di identità (ad esempio, il passaporto o la patente). Se non hai altri documenti di riconoscimento idonei, devi presentarti in Comune accompagnato da due testimoni maggiorenni che dovranno esibire i propri documenti di riconoscimento in corso di validità;
  • la denuncia, in originale, rilasciata dalla polizia o dai carabinieri. Va bene anche una sua fotocopia, nel caso in cui non puoi consegnare all’ufficio la denuncia stessa.

Quanto costa il duplicato della carta di identità rubata?

Per ottenere il duplicato della carta di identità rubata devi spendere:

  • 16,79 euro a titolo di spese di emissione (ovvero 13,76 + Iva);
  • 5,42 euro come diritti, di cui 5,16 euro per diritti fissi e 0,26 euro per diritti di segreteria;
  • 5,16 euro per diritto fisso.

Quanto tempo occorre per il rilascio del duplicato?

Di solito, il rilascio del duplicato della carta di identità rubata avviene entro 6 giorni dalla richiesta.

Se non risiedi nel Comune presso il quale hai fatto la richiesta, i tempi di consegna potrebbero essere più lunghi, dovendo attendere per il rilascio, il nulla osta da parte del tuo Comune di residenza.

Che scadenza ha il duplicato della carta di identità rubata

Il duplicato della carta di identità ha la stessa scadenza del documento originale. In generale ricorda che il periodo di validità di una carta di identità per maggiorenni è di 10 anni [1].

Come fare se la carta di identità viene rubata all’estero?

Se la carta di identità ti viene rubata all’estero devi subito recarti a sporgere denuncia presso il Consolato o l’Ambasciata italiana.

Se, invece, ti rechi presso altri organi stranieri quali ad esempio la polizia locale o estera, poi, dovrai rifare la denuncia in Italia e successivamente consegnarla in Comune.


note

[1] D.L. n. 112/2008.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube