Cronaca | News

Zone rosse e arancioni: posso invitare a casa gli amici?

6 Novembre 2020 | Autore:
Zone rosse e arancioni: posso invitare a casa gli amici?

Si può andare a trovare un parente o chi abita nello stesso Comune? Cosa dice il Dpcm sulla possibilità di ospitare persone non conviventi?

Le cose sembravano più chiare a marzo, quando scattò il lockdown generale causa Covid: tutto chiuso, tutti a casa. Non c’erano delle eccezioni, se non quelle di andare la lavoro in quelle pochissime realtà rimaste aperte, andare a fare la spesa, in farmacia, a comprare le sigarette. Ora, con un’Italia divisa in tre zone ed altrettanti elenchi di restrizioni, fare confusione è molto più semplice. Anche perché nella peggiore delle ipotesi, cioè nelle quattro regioni comprese nella zona rossa (Lombardia, Piemonte Calabria e Valle d’Aosta), non c’è un lockdown come quello di marzo ma qualcosa in più la si può fare, una su tutte andare dal parrucchiere o portare i bambini fino alla prima media a scuola. Inoltre, si può anche andare a comprare una pizza d’asporto, da consumare a casa. Ma a casa di chi? È possibile passare a prendere quattro pizze ed andare a mangiarle con gli amici a casa di qualcuno?

In realtà, non c’è mai stato un divieto di ospitare delle persone non conviventi in casa. Da quando è iniziata la seconda ondata di emergenza sanitaria, il Governo ha cambiato idea tre volte. All’inizio, con la forte raccomandazione di non ospitare in casa più di sei persone. Erano i tempi in cui il ministro della Salute, Roberto Speranza, disse durante la trasmissione di Fabio Fazio Che tempo che fa che si affidava alle segnalazioni dei vicini, perché non poteva mandare la Polizia nelle abitazioni private a fare dei controlli.

Poi, in un Dpcm successivo, cadde il limite delle sei persone e il Governo si limitò a dire che era fortemente raccomandato (di nuovo questo termine, che non è sinonimo di divieto) non invitare a casa delle persone non conviventi. Nemmeno una. Ma, come detto, non era un divieto ma la solita «forte raccomandazione». Quindi, se fossero arrivati degli amici a casa, non ci sarebbe stata alcuna sanzione.

Il Dpcm entrato in vigore oggi, invece, che cosa dice in proposito? Nulla. Nemmeno una «forte raccomandazione». L’unico passaggio che fa riferimento alla presenza di persone non conviventi in casa è quello in cui si consiglia (ancora un invito, non un obbligo) di indossare la mascherina.

Significa che non è prevista una sanzione per chi ospita degli amici in casa? Non è detto. Nelle zone rosse e arancioni c’è il divieto di uscire dal proprio Comune e nelle quattro Regioni della zona rossa è anche vietato circolare all’interno del Comune di residenza se non per motivi di comprovata necessità e con l’autocertificazione in mano. Significa che chi abita in Sicilia e in Puglia (zone arancioni) in teoria può andare a casa di un amico che risieda nel proprio Comune, purché munito di autocertificazione. Ma in Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta e Calabria (zone rosse) al massimo si potrebbe andare a casa di un amico solo se abita nello stesso edificio, ammesso e non concesso che girare per le scale del condominio non venga ritenuta un’uscita di casa all’interno del proprio Comune.

In ogni caso (e questo vale anche per le zone gialle), conviene stare attenti all’orario in cui si mangia la pizza la sera a casa di amici: alle 22 il coprifuoco nazionale impone di essere tutti a casa. Superata quell’ora, all’amico che vi ha ospitati toccherebbe prestarvi un divano su cui trascorrere la notte fino alle 5 del mattino.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. Io ve lo dico chiaramente. Anche se si potesse, visto l’aumento dei contagi nella mia zona, preferisco proprio evitare. Non mi perdonerei mai il fatto di essere uscita con il rischio di contagiarmi e portare il Covid in casa e infettare i miei cari. Per ora, lasciamo perdere riunioni di qualsiasi tipo. Sono sacrifici che è il caso di fare con la speranza di uscirne presto sani e salvi

  2. Ma che domande sono? Ragazzi, evitate gli assembramenti. Salutatevi sui social. State sempre attaccati sugli smartphone e proprio ora vi è venuta tutta questa nostalgia e questa voglia di organizzare. Calmatevi, in attesa che la situazione migliori

  3. Guardate, io direi che anche le vacanze di Natale ce le faremo ognuno in casa propria come Pasqua. Sarà sicuramente triste, ma a parte i propri familiari, la cosa migliore è ridimensionare le uscite e cambiare di nuovo le nostre abitudini. Sicuramente, la nostra vita sociale ne risentirà, ma magari riusciremo piano piano a rimediare allo scempio di questa estate!

  4. Mia figlio era abituato ad incontrarsi al bar e, infatti, è uscito fino all’ultimo ieri. Ma d’ora in poi, si vedrà con i suoi amici si in videochiamata. E ognuno mangia a casa sua. Io non voglio che vengano altre persone in casa mia. Chi mi dice se seguono tutte le misure di sicurezza indicate? Poi, molti ragazzi sono irresponsabili, quindi ho già chiarito a mio figlio di non invitare neppure i vicini a casa

  5. noi abbiamo una vicina che si porta i clienti di yoga a casa e nessuno può dirle niente… io che faccio yoga in una palestra non ci posso andare nonostante le dimensioni maggiori del locale e lei puo’ farlo in una stanza di 20 mq…
    Anche se non supera le 6 persone, dubito che ci sia più distanza fisica nei sui 20mq che non in una stanza di un centro sportivo dove si accede ai corsi su prenotazione , (quindi con num di clienti comunque basso, ma con stanze più ampie) ma questa è la legge…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube