Covid: si possono portare i bambini dai nonni?

7 Novembre 2020 | Autore:
Covid: si possono portare i bambini dai nonni?

Le nuove Faq del Governo dicono che è possibile farlo se è strettamente necessario, ma si raccomanda ai genitori di fruire del lavoro agile o dei congedi parentali.

Gli anziani sono una delle categorie maggiormente esposte al rischio di contrarre il Covid-19, che per loro potrebbe avere conseguenze letali. Così molti si chiedono se si possono portare i bambini dai nonni, per fargli visita o per lasciarli da loro quando i genitori lavorano, non hanno una baby sitter o altri figli più grandi e vogliono evitare di lasciarli da soli a casa.

Il nuovo Dpcm ha diviso l’Italia in tre aree a seconda dei livelli di rischio e ogni Regione è stata classificata gialla, arancione o rossa con restrizioni specifiche. Il Dpcm si limita a raccomandare fortemente di non ricevere in casa «persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza». Ad integrare queste prescrizioni sono arrivate le nuove Faq, risposte a domande frequenti, pubblicate oggi dal Governo sul proprio sito. Spiegano cos’è possibile fare e cosa no nei vari casi.

Una di esse risponde alla specifica domanda: è possibile spostarsi per accompagnare i propri figli dai nonni o per andarli a riprendere all’inizio o al termine della giornata di lavoro? La risposta è : è possibile farlo, anche nelle zone rosse; ma è «fortemente sconsigliato», perché gli anziani devono evitare il più possibile i contatti con altre persone, per limitare il rischio di essere contagiati.

Così il Governo indica questa prescrizione: lo spostamento per portare i bambini o i ragazzi dai nonni «è ammesso solo in caso di estrema necessità», e questa situazione si ravvisa «se entrambi i genitori sono impossibilitati a tenere i figli con sé per ragioni di forza maggiore».

Si può fare l’esempio di tutti e due i genitori impegnati al lavoro mentre le scuole sono chiuse. In tale caso – specifica il Governo – «i genitori possono accompagnare i bambini dai nonni, percorrendo il tragitto strettamente necessario per raggiungerli e recarsi sul luogo di lavoro, oppure per andare a riprendere i bambini al ritorno».

Comunque, è preferibile, ove possibile, «che i figli rimangano a casa con uno dei due genitori che usufruiscono di modalità di lavoro agile o di congedi». Proprio per favorire questa possibilità il Governo ha incentivato il ricorso allo smart working, sia nel pubblico sia nelle aziende private. Quanto alle scuole, il Decreto Ristori ha esteso la possibilità per il genitore lavoratore con figli conviventi e minori di 16 anni obbligati alla didattica a distanza di usufruire del congedo Covid.

Infine, è stato rinnovato il bonus baby sitter da 1.000 euro. Un vasto ventaglio di opportunità, dunque, per evitare di lasciare i figli soli a casa, ma se non ci sono soluzioni sarà possibile portarli dai nonni, quando è strettamente necessario.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube