Covid e genitori separati: ok alle visite ai figli

7 Novembre 2020 | Autore:
Covid e genitori separati: ok alle visite ai figli

Le Faq del Governo consentono gli spostamenti per raggiungere i minori e portarli con sé durante i periodi stabiliti nel provvedimento di separazione o divorzio.

Con le vigenti restrizioni agli spostamenti stabiliti dal nuovo Dpcm, un problema frequente è quello che riguarda i genitori separati o divorziati che vorrebbero andare a trovare i figli minori durante i giorni e gli orari stabiliti per gli incontri.

Il Decreto non ha previsto espressamente questa situazione e si è limitato a stabilire le regole generali per gli spostamenti consentiti nelle tre aree (gialla, arancione e rossa) in cui sono state inserite le Regioni italiane: tra i motivi che consentono di muoversi (le comprovate esigenze lavorative, i motivi di salute o le altre situazioni di necessità) non compaiono le visite ai figli per i genitori divisi.

Adesso, però, sono arrivate le nuove Faq pubblicate dal Governo: le risposte alle domande più frequenti dei cittadini, che indicano cosa è possibile fare e cosa no. Tra queste, c’è proprio la domanda specifica: «Sono separato o divorziato, posso andare a trovare i miei figli minorenni?». La risposta è positiva, a prescindere dalla zona gialla, arancione o rossa di residenza del genitore o dei bambini. Il Governo, in tutti e tre i casi, dice: «Sì. Gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l’altro genitore o comunque presso l’affidatario, oppure per condurli presso di sé, sono consentiti anche tra Comuni di aree differenti».

Ci sono però delle prescrizioni da rispettare: «Tali spostamenti dovranno in ogni caso avvenire scegliendo il tragitto più breve e nel rispetto di tutte le prescrizioni di tipo sanitario (persone in quarantena, positive, immunodepresse etc.), nonché secondo le modalità previste dal giudice con i provvedimenti di separazione o divorzio o, in assenza di tali provvedimenti, secondo quanto concordato tra i genitori».

La base di riferimento sarà quanto stabilito dal giudice (o dai genitori stessi, in caso di separazione consensuale o divorzio congiunto) circa i giorni e gli orari individuati e consentiti per visite e incontri in presenza. In tali occasioni, lo spostamento diventa legittimo e ammesso, salvi i casi di quarantena o di riscontrata positività al Covid-19 che evidentemente lo impediscono per motivi di salute che impongono l’isolamento e vietano di muoversi dalla propria abitazione.

Nelle zone o negli orari in cui vigono le restrizioni generali agli spostamenti (come nelle zone rosse ed arancioni o anche in quelle gialle dalle 22 alle 5), sarà comunque necessario munirsi dell’autocertificazione, da esibire alle forze dell’ordine in occasione dei controlli, per documentare questo specifico motivo, indicando anche il luogo di provenienza e quello di destinazione.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube