Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Covid: il nuovo allarme dei medici

9 Novembre 2020 | Autore:
Covid: il nuovo allarme dei medici

Oltre alla Fnomceo, anche qualche scienziato chiede il lockdown totale: si rischiano 10mila morti in più in un mese, situazione «fuori controllo».

O si fa subito un lockdown generale, come quello della primavera scorsa, o tra un mese l’Italia conterà almeno 10mila morti di Covid in più. È il disperato appello della Federazione nazionale degli ordini dei medici. Il presidente, Filippo Anelli, lo dice a chiare lettere in un messaggio inviato al quotidiano La Repubblica, dopo l’analogo intervento al Gr2 Rai: «Nell’ultima settimana abbiamo registrato mediamente mille ricoverati e oltre trecento morti al giorno. Se il trend rimarrà invariato – avverte il presidente della Fnomceo – avremo 10mila morti in più e 5mila pazienti in terapia intensiva. Servono subito misure drastiche, come un lockdown totale».

Un appello raccolto e condiviso questa mattina su Rai 3 dall’infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli: «Siamo di fronte ad altre dolorose chiusure, che sono assolutamente necessarie per provare a contenere l’impatto della nuova ondata di Covid-19», ha spiegato Galli ad Agorà, «e l’appello dell’Ordine dei medici, che ha chiesto il lockdown in tutta Italia, è interessante e importante in questo senso, perché in realtà esprime un parere che è assai generalizzato tra i medici di questo Paese.

Secondo lo scienziato, «quelli che hanno un’opinione diversa ce l’hanno per motivi loro, non sulla base di un dato scientifico o di un dato di realtà». La verità, secondo Galli, è una sola: «La situazione è ampiamente fuori controllo, serve il lockdown generale».



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube