Cronaca | News

Non solo Covid: ora scatta l’allarme influenza

9 Novembre 2020
Non solo Covid: ora scatta l’allarme influenza

Quello che si immaginava, sta accadendo: la seconda ondata di Coronavirus incrocia la stagione di febbre, mal di gola e raffreddore. Il picco sarà a dicembre.

La pandemia che non dà tregua, la stagione dell’influenza che inizia e i cui sintomi sono gli stessi del Covid, la mancanza di un’adeguata quantità di dosi di vaccino: un concentrato di problematiche per le quali, al momento, non c’è soluzione.

«Siamo fortemente preoccupati per un picco dell’influenza a fino dicembre», ha detto Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), non riuscendo a nascondere la sua angoscia a RaiNews24.

Mentre si diffonde la buona notizia dell’efficacia del vaccino Pfizer contro il Coronavirus, quella meno buona riguarda l’altro vaccino, l’antinfluenzale. In molte parti d’Italia, si registrano carenze, soprattutto in Lombardia, Campania e Sicilia.

«A oggi i vaccini antinfluenzali non sono disponibili in nessuna farmacia di Palermo, ma il problema è a livello provinciale e anche regionale. Sono arrivate dosi insufficienti, parliamo di appena 12-13 a farmacia», ha spiegato all’Adnkronos Salute Roberto Tobia, presidente di Federfarma Palermo.

Idem a Napoli: le 11 dosi che la Regione ha distribuito a circa 1600 punti vendita sono terminate in un’ora. Al momento, è il farmaco più richiesto.

Stesso quadro, sempre all’agenzia di stampa, lo traccia Annarosa Racca di Federfarma Lombardia: non si riesce a soddisfare la domanda, che è altissima, anche perché, come sottolinea Racca, la vaccinazione «è consigliata da tutti i virologi», dal momento che la stagione influenzale, quest’anno, coincide con la nuova ondata di Coronavirus.

Oltre alle categorie a rischio, in molti vorrebbero vaccinarsi ma servirebbero almeno trenta dosi per ogni farmacia e, al momento, questa disponibilità non c’è.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube