Cronaca | News

Covid: ecco l’accordo dell’Italia per il vaccino a gennaio

10 Novembre 2020 | Autore:
Covid: ecco l’accordo dell’Italia per il vaccino a gennaio

Incontro riservato nei giorni scorsi tra Speranza ed i vertici Pfizer: possibile l’arrivo di 3,5 milioni di dosi per personale sanitario e case di riposo.

Entro venerdì, l’Italia potrebbe chiudere un accordo per avviare la vaccinazione di 1,7 milioni di italiani dalla seconda metà di gennaio 2021 con le dosi della Pfizer. Lo rivela il quotidiano La Repubblica, che riferisce di un incontro avvenuto lo scorso 29 ottobre tra il ministro della Salute, Roberto Speranza, ed i vertici dell’azienda farmaceutica. Un colloquio in videoconferenza, dunque, tenuto quasi due settimane prima dell’annuncio sull’efficacia al 90% del vaccino, che ieri ha puntato i riflettori sulla Pfizer e scosso i mercati finanziari di tutto il mondo.

Secondo quanto svela il giornale romano, l’Agenzia europea del farmaco potrebbe dare il via libera alla distribuzione del siero tra la fine di dicembre e la prima metà di gennaio. Dopodiché, si partirebbe con la vaccinazione di tutto il personale sanitario e degli ospiti delle case di riposo, con la collaborazione dell’esercito per la parte logistica.

Speranza non tratta soltanto direttamente con i vertici della Pfizer ma anche con Bruxelles. Come annunciato ieri dal presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, infatti, l’Unione acquisterà circa 300 milioni di dosi del vaccino da distribuire tra gli Stati membri a seconda delle loro esigenze. La quota dell’Italia sarebbe del 13,5%, cioè poco meno di 3,5 milioni di dosi destinate, appunto, a circa 1,7 milioni di persone, dato che il vaccino ha bisogno di due dosi a persona. Il Governo, come quelli di tutti gli altri Paesi Ue, è chiamato a consegnare alla Commissione Ue al più presto possibile un piano su come intende trasportare, conservare e distribuire il siero.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube