Cronaca | News

Covid: quando può scattare il lockdown generale

10 Novembre 2020 | Autore:
Covid: quando può scattare il lockdown generale

Il Governo ha deciso di attendere fino a domenica, dopodiché potrebbe preparare un nuovo Dpcm se la situazione non migliora.

Il D-Day scatterà domenica 15 novembre. Questa è la data che il Governo si è posto come termine per valutare se le misure adottate fin qui per tentare di appiattire la curva dei contagi da Covid sono state efficaci o se si rende necessario quello a cui nessuno ha voluto pensare finora: il lockdown generale. Se da qui a domenica l’andamento della pandemia non avrà dato segni di arretramento e si dimostrerà che gli esperti avevano ragione quando parlavano di situazione fuori controllo, allora la chiusura totale come quella della scorsa primavera sarà inevitabile. Non avrà più senso parlare di un Paese «tricolore» come quello attuale: l’Italia intera diventerà zona rossa.

Nel frattempo, il Governo sta valutando delle misure intermedie, prima di arrivare a mettere i lucchetti dappertutto. Ulteriori strette nell’ennesimo tentativo di evitare quella definitiva. Ipotesi come la chiusura di altre attività commerciali e nuovi limiti a bar e ristoranti nelle zone in cui sono rimasti ancora aperti (ad esempio, la chiusura il sabato e la domenica a pranzo). Il premier, Giuseppe Conte, vuole andarci cauto e fare un passo alla volta: «Ci siamo dati un metodo scientifico e non possiamo metterlo in discussione sull’onda dell’emotività», ha spiegato ai suoi.

Ci sono, però, dei segnali per niente incoraggianti. Secondo i dati in mano al ministero della Salute, la situazione negli ospedali e, soprattutto, nelle terapie intensive è al limite. E potrebbe peggiorare anche se i contagi diminuissero e gli altri indicatori rallentassero. La tutela del sistema sanitario imporrebbe, comunque, un deciso giro di vite.

Tutto dipende da ciò che succederà nell’arco di questa settimana. Il 15 novembre è la data in cui ci si attende l’inizio della decrescita per gli eventuali effetti avuti dagli ultimi decreti. Ma se la situazione non migliora, il Governo, insieme alle Regioni e al Comitato tecnico scientifico, discuterà questo weekend il testo di un nuovo Dpcm con cui stabilire il lockdown nazionale di un mese, fino a metà dicembre.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

5 Commenti

  1. A mio parere, è inutile che la tirino troppo per le lunghe. E’ necessario il lockdown generale per provare a limitare i contagi? E allora, chiudete tutto senza fare questo schifo di zone rosse, gialle e arancioni e fare uscire ogni settimana un nuovo dpcm.

  2. E chi mi paga a fine mese? Mi campi tu? Cioè già le nostre attività stanno andando avanti a fatica cercando di colmare le perdite e sostenere i vari costi. Se ci chiudono del tutto anche dove non ci sono molti casi, allora chiudo la baracca e vado a campare sulle spalle dello stato come quelli che si accaparrano i bonus senza averne diritto

  3. La soluzione è aprire tutto e vedere come se la cavano questi geni! Gli italiani non sanno rispettare le regole, è inutile. E gli dici di limitarsi e se ne fregano, sembra che siano diventati tutti amanti dello sport quando a casa non alzano nemmeno una forchetta e poltriscono sul divano. E gli dici di indossare semplicemente una mascherina e mantenere il distanziamento e tolgono fuori la scusa dell’anidride carbonica e non possono rinunciare ad una stretta di mano. Ma allora di cosa stiamo parlando? Però se questi soggetti si ammalano, perché sono ignoranti negazionisti, allora limitate anche le cure così capiscono cosa sta succedendo e vivono sulla loro pelle il dramma di tanti malati!

  4. Ovviamente, ribadire quotidianamente tutte le regole non basta. Molti, anche nelle zone rosse, stanno facendo ribellioni ammassandosi tutti insieme senza alcun rispetto delle distanze di sicurezza, senza indossare la mascherina, senza avere un minimo di buon senso. Tutti stiamo certamente vivendo un periodo complicato ma non è questa la soluzione. Bisogna essere lucidi e non farsi trascinare dalla massa. Che fanno tutte quelle piazzate, ho visto certi video e certe foto che girano sui social, dove vogliono arrivare? Cosa vogliono ottenere? Così peggiorano le cose e si infettano tra loro. E così non ne usciamo più

  5. Ma scattasse e stiamo tutti chiusi per un po’ così proviamo a sconfiggere questo maledetto virus. Abbiamo fatto trenta ed ora facciamo trentuno. E alla fine tutta questa tragedia per le vacanze di natale mi sembra esagerata. Sarà certamente triste, ma pensiamo a cosa possiamo rischiare se continuiamo così e se arriviamo alle feste con ospedali ancora più al collasso e aumento di casi.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube