Diritto e Fisco | Articoli

Inail: indennità temporanea

10 Novembre 2020
Inail: indennità temporanea

In caso di infortunio sul lavoro il lavoratore può accedere a delle prestazioni economiche erogate dall’Inail.

Ti sei infortunato mentre stavi svolgendo la prestazione di lavoro. Il medico ti ha prescritto il riposo a casa per dieci giorni al fine di recuperare il tuo stato di salute psicofisico. Ti hanno detto che, durante l’assenza, riceverai un’indennità temporanea da parte dell’Inail e vuoi avere maggiori informazioni in merito.

I lavoratori devono essere obbligatoriamente assicurati presso l’Inail contro il rischio di infortuni sul lavoro e malattie professionali. L’assicurazione Inail prevede l’erogazione da parte dell’Istituto di determinate indennità economiche al lavoratore che sia rimasto vittima di un infortunio o di una malattia professionale.

In particolare, per tutti i giorni di assenza determinati dall’infortunio o dalla tecnopatia, l’Inail eroga l’indennità temporanea e, in questo articolo, vedremo quali sono i requisiti per accedere a questa prestazione e a quanto ammonta l’emolumento erogato al dipendente.

Cos’è l’infortunio sul lavoro?

Ci sono alcune attività di lavoro che espongono i lavoratori al rischio di infortunio. Basti pensare ad un lavoratore dell’edilizia che, durante la prestazione di lavoro, può infortunarsi a causa di una caduta dall’alto o può essere colpito dalla caduta di un peso o di un oggetto.

L’infortunio sul lavoro è un evento traumatico che subisce il lavoratore in occasione di lavoro e che si produce per una causa violenta. Ulteriore requisito affinché il trauma possa essere considerato infortunio sul lavoro è legato alle conseguenze dello stesso. Sussiste, infatti, un infortunio sul lavoro solo se l’evento determina l’impossibilità temporanea allo svolgimento della prestazione di lavoro per più di tre giorni.

L’infortunio non si deve verificare necessariamente nel luogo di lavoro essendo sufficiente un nesso di occasionalità con la prestazione lavorativa. Per questo, anche l’evento traumatico che si produce nel tragitto casa-lavoro può essere considerato infortunio in quanto legato da un nesso di occasionalità con la prestazione lavorativa (infortunio in itinere).

Cos’è la malattia professionale?

A differenza dell’infortunio sul lavoro, che richiede necessariamente il verificarsi di un evento traumatico per causa violenta, la malattia professionale è una patologia che si sviluppa non in maniera traumatica ma in maniera graduale nel corso del tempo a causa dell’esposizione dei lavoratori a fattori di rischio presenti sul luogo di lavoro. Basti pensare ad una industria chimica nella quale siano presenti sostanze nocive che vengono inalate dai lavoratori e che, progressivamente, nel corso del tempo, determinano l’insorgere di patologie dell’apparato respiratorio.

Cos’è l’assicurazione Inail?

I datori di lavoro sono obbligati per legge ad assicurare i lavoratori presso l’Inail contro il rischio di infortuni sul lavoro e malattie professionali. Al pari di ogni altra assicurazione, la copertura Inail consente al lavoratore di ottenere delle prestazioni economiche quando si verifica l’evento assicurato, ossia, l’infortunio o la malattia professionale.

Al fine di ottenere le prestazioni, il datore di lavoro versa all’Inail dei premi che sono commisurati al grado di rischio dell’attività lavorativa. Il principio di automaticità delle prestazioni consente al lavoratore infortunato o affetto da malattia professionale di ricevere le prestazioni economiche dell’Istituto anche se il datore di lavoro non ha versato regolarmente i premi dovuti.

Cos’è l’indennità temporanea Inail?

Quando il lavoratore subisce un infortunio sul lavoro o una malattia professionale il medico redige un certificato che accerta la sussistenza della lesione o della patologia e prescrive un periodo di astensione dalla prestazione di lavoro al fine di recuperare lo stato di salute.

Durante tale periodo di impossibilità temporanea alla prestazione di lavoro l’Inail eroga ai lavoratori l’indennità giornaliera per inabilità temporanea assoluta. Si tratta di una prestazione economica che sostituisce la retribuzione e che viene corrisposta al lavoratore in caso di infortunio malattia professionale per tutti i giorni, successivi al quarto, per i quali è prescritto il riposo a casa fino alla guarigione clinica.

Per quanto concerne il quantum della prestazione, l‘indennità temporanea Inail consiste in un importo pari al:

  • 60% della retribuzione media giornaliera percepita dal lavoratore fino al novantesimo giorno;
  • 75% della retribuzione media giornaliera percepita dal lavoratore dal 91esimo giorno fino alla guarigione clinica.

In caso di ricovero dell’assicurato in un istituto di cura, l’Inail può ridurre di un terzo l’ammontare dell’indennità dovuta al lavoratore senza familiari a carico.

Chi paga l’indennità temporanea Inail?

A differenza della malattia, per cui si prevede un periodo di carenza di tutele economiche per il lavoratore nei primi tre giorni, nel caso dell’infortunio la legge impone al datore di lavoro di erogare al lavoratore, durante i primi tre giorni, un importo pari al 60% della retribuzione media giornaliera.

A partire dal quarto giorno di assenza dal lavoro, invece, subentra l’indennità temporanea Inail che viene erogata direttamente dall’Istituto al lavoratore, al netto delle trattenute Irpef che vengono effettuate dall’Inail stesso. L’Inail procede al versamento dell’indennità temporanea sul conto corrente indicato dal lavoratore nella domanda.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube