Cronaca | News

Brexit: novità da gennaio per le assicurazioni inglesi

10 Novembre 2020
Brexit: novità da gennaio per le assicurazioni inglesi

Per operare in Italia dovranno essere autorizzate, per effetto dell’uscita dall’Unione europea che diventa definitiva il 31 dicembre.

Compagnie di assicurazione inglesi al bivio dal primo gennaio 2020: o chiederanno e otterranno un’autorizzazione o non potranno più lavorare. È una delle conseguenze della Brexit, l’uscita dall’Europa decisa quattro anni fa con referendum, che si perfezionerà il prossimo 31 dicembre.

Ad autorizzare imprese assicurative e intermediari assicurativi britannici dovrà essere l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni (Ivass), come spiega lo stesso istituto attraverso una nota. L’autorizzazione servirà a certificare che le compagnie hanno ricevuto l’ok dall’autorità di controllo, che li ha accreditati come operatori di un Paese non membro dell’Unione europea.

In pratica, dal primo gennaio 2021, «Le imprese di assicurazione e gli intermediari assicurativi con sede legale nel Regno Unito – come si legge sulla nota dell’Ivass – perderanno la libertà di stabilimento, cioè la possibilità di insediare in Italia una sede stabile senza autorizzazione da parte dello Stato Italiano; la libertà di prestazione di servizi, cioè la possibilità di svolgere l’attività assicurativa in Italia senza avere una sede stabile».

I contratti assicurativi già stipulati resterebbero validi. Le imprese di assicurazione dovranno assicurare l’esecuzione dei contratti in corso di validità, fino a naturale scadenza. Non potranno, però, stipulare nuovi contratti, né provvedere al rinnovo dei vecchi.

Nella sua nota, l’Ivass chiede anche agli operatori di informare i clienti a dovere sugli effetti di Brexit sul proprio contratto. Qualora non abbiano ricevuto comunicazioni corrette ed esaustive in merito, possono contattare essi stessi il proprio assicuratore o intermediario finanziario.

L’elenco di tutte le compagnie assicurative straniere operanti in Italia, comprese quelle britanniche, è consultabile sul sito dell’Associazione nazionale imprese assicuratrici (Ania).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube