Cronaca | Articoli

Covid: chi avrà la precedenza per il vaccino

10 Novembre 2020
Covid: chi avrà la precedenza per il vaccino

Senz’altro l’accesso al preparato artificiale per l’immunità dal Sars-CoV-2 sarà prioritario per alcune categorie di persone. Le ipotesi su quali saranno.

La buona notizia del vaccino Pfizer, efficace al 90%, è che proietta alla fine dell’incubo. I nodi sul siero che promette di sconfiggere il Coronavirus, però, sono tanti, dalla distribuzione alla conservazione.

È di stamattina un approfondimento del Corriere della Sera secondo il quale l’Italia è carente, sotto questo aspetto: non avremmo i frigoriferi adatti dove mantenere il preparato artificiale.

L’altra grande questione che si pone è quella della somministrazione, che va a braccetto col problema numero uno: rispondere a una domanda altissima, globale.

Proprio per questo, si dovrà ragionare secondo un’ottica di priorità che dovrà necessariamente prevedere un accesso agevolato al vaccino per alcune categorie di persone. Al momento, non c’è accordo nel mondo scientifico su quali saranno di preciso. Si ragiona su una serie di ipotesi, non sempre conciliabili.

La professoressa dell’Università di Padova Antonella Viola, per esempio, non è d’accordo con l’opinione largamente diffusa di far vaccinare per primi i più fragili, quindi gli anziani, i più colpiti dal Covid.

«Il vaccino, a oggi, è stato sperimentato su persone sane, che non hanno altre patologie – ha dichiarato Viola al Messaggero -. Solo ora si sta cominciando anche con ultraottantenni. Nei più anziani la risposta del sistema immunitario è diversa, non si può rischiare».

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il 25 ottobre, ha dichiarato il contrario: le prime dosi del vaccino, nelle sue idee, devono essere riservate alle «categorie più fragili ed esposte al pericolo», dunque anziani e malati cronici che soffrono di patologie respiratorie, cardiocircolatorie e di altro tipo.

Considerando che la distribuzione non avverrà prima della primavera 2021, il dibattito è senz’altro prematuro. Si parla di includere tra le categorie prioritarie anche il personale sanitario e le forze dell’ordine e, poi, i lavoratori in genere, motore economico del Paese.

C’è chi avanza anche l’idea di inserire i giovani tra i primi vaccinati, in base allo stesso presupposto per cui è raccomandato il vaccino antinfluenzale ai bambini tra i 6 mesi e i 6 anni, in modo da diminuire la circolazione del virus tra gli adulti.

Secondo Ezekiel Emanuel, della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania, bisogna pensare non solo alle singole persone fragili, ma anche agli Stati che rischiano di restare indietro, per fare in modo che la distribuzione del vaccino sia equa.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube