Cronaca | News

Covid: altre quattro regioni verso la zona rossa

10 Novembre 2020
Covid: altre quattro regioni verso la zona rossa

Aumentano i territori per i quali si profila il lockdown, a causa della velocità di diffusione del virus. 

L’Italia si colora di rosso. Oltre a Lombardia, Valle D’Aosta, Piemonte, Calabria e, da domani, l’Alto Adige, il rischio diventa massimo in Campania, Veneto, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna.

Sono entrate nel cosiddetto «scenario di tipo 4», quello che prevede il più alto pericolo di contagio e che giustifica le restrizioni più dure. Durante la conferenza stampa di oggi, per fare il punto sull’andamento dell’epidemia in Italia, il presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, aveva detto che per alcune regioni si poneva il problema di anticipare misure restrittive. Sarebbero quelle appena elencate: Campania, Veneto, Friuli, Emilia Romagna.

Anche a Palermo la situazione sta diventando molto difficile. Dopo le restrizioni già adottate nelle scorse settimane, il sindaco Leoluca Orlando ha voluto una nuova stretta: dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 22 e per tutta la giornata il sabato e la domenica, è vietato stazionare nel centro storico e nel quartiere Politeama e Libertà.

La Sicilia è regione arancione insieme alla Puglia, fin dall’ultimo Dpcm. A queste due si aggiungeranno domani, nel cosiddetto «scenario di tipo 3», Abruzzo, Umbria, Liguria, Basilicata e Toscana.

In fascia gialla restano Molise, Lazio, Sardegna, Marche, Provincia autonoma di Trento.

Il bollettino di oggi, intanto, fa registrare 35.098 nuovi positivi al Coronavirus e 580 morti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Io non so cosa si aspetta a chiudere tutto per tre mesi, per quanto riguarda i guadagni che le ditte perdono, basta controllare i conti correnti i depositi e vedere se molti cittadini possono sopravvivere con i propri risparmi, e dare invece un’aiuto alle persone che non anno risparmi, direttamente senza aspettare che le stesse fanno domanda, e chiudere tutto per tre mesi , abbassare o fare sparire del tutto il virus, e inutile fare le zone dell’Italia a colore, se non si chiude tutto succederà sicuramente una catastrofe , e poi si dovra chiudere per forza maggiore, anche perche ho notato che moltissimi cittadini pur sapendo la pericolosità del virus che uccide continuano a divertirsi a riunirsi , e fare assembramenti , e non rispettare i vari ordini dati dal presidente del Consiglio, chiudere tutto, arrestare i trasgressori, le multe non servono a nulla tanto tanti non le pagano.chiudere tutto.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube