Cronaca | News

Calabria, sanità ancora nel caos: Conte chiama Gino Strada

10 Novembre 2020
Calabria, sanità ancora nel caos: Conte chiama Gino Strada

Il nuovo commissario è stato nominato, ma è a rischio, dopo la gaffe del video in cui smentisce in malo modo l’efficacia delle mascherine.

Prima l’ex commissario Saverio Cotticelli, che ha detto di non sapere che la competenza del piano anti-Covid fosse sua. Poi, il suo sostituto Giuseppe Zuccatelli e il video in cui dice, testualmente, che «le mascherine non servono a un c…».

Una polemica dopo l’altra sui dirigenti nominati per gestire la sanità calabrese. Cotticelli ha dato le dimissioni dopo un’imbarazzante intervista alla nuova trasmissione di Rai 3 Titolo V. Adesso, dopo il filmato di stampo negazionista, c’è anche chi chiede la testa di Zuccatelli, il cui incarico non è escluso sia prossimo a saltare.

È in questo clima che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha telefonato al fondatore di Emergency Gino Strada. Il premier, come confermano fonti di Palazzo Chigi, ha voluto sondare il terreno per cercare di capire se Strada sarebbe disponibile ad entrare nella squadra della gestione della sanità in Calabria e risollevarne le sorti.

Il suo nome è stato fatto da Movimento 5 Stelle e Sardine. Secondo queste ultime, serve «un’azione forte e coraggiosa che segni un cambio di passo per la Calabria. Il governo Conte 2 deve dare un segnale netto di rottura con il passato». Ecco perché chiedono Gino Strada commissario subito: «Non possiamo più perdere tempo – aggiungono in una nota -. La situazione, grave in cui sosta la Calabria non può essere risolta con nomi di servizio. Serve competenza e coraggio».

Per Mimmo Lucano, ex sindaco di Riace intervistato dall’Adnkronos, Strada potrebbe accettare la proposta. Ieri, si sono sentiti al telefono. «Strada, lo ricordo, è cittadino onorario di Riace. È una persona speciale, soprattutto preparata – dice Lucano -. Sarebbe il nome giusto al momento giusto, una luce in mezzo alle ombre di poteri forti e perversi. Credo accetti questo ruolo in un momento emergenziale per la Calabria assimilabile agli scenari dove ha combattuto in prima linea in tutto il mondo».


note

Foto: Wikipedia


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube