Cronaca | News

Covid: ecco a cosa servirà il vaccino

11 Novembre 2020
Covid: ecco a cosa servirà il vaccino

Il siero per l’immunità dal Coronavirus viene spesso presentato come la panacea di tutti i mali, ma è davvero così?

Il vaccino contro il Coronavirus non metterà per sempre una pietra sopra all’infezione, però ci farà diventare più resistenti. Parola di Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri Irccs. Intervistato oggi dal Corriere della Sera, ha spiegato precisamente a cosa servirà il preparato artificiale per ottenere l’immunità dal Covid.

Diventare immuni significa avere la capacità di non ammalarsi, mediante la creazione di anticorpi, ma l’effetto non sarà eterno. Secondo Remuzzi, potrà durare circa 6-8 mesi. Vuol dire che periodicamente, all’incirca una volta all’anno, ci si dovrà vaccinare, come avviene ad esempio con l’influenza. Il professore ipotizza che serviranno due dosi. «Dopo – dichiara al Corriere – è vero che non abbiamo certezze, ma gli studi attuali dicono che sarà difficile contrarre una seconda volta il virus».

Si deve sperare che il vaccino sia abbastanza efficace da coprire una popolazione eterogenea per età e condizioni di salute. Remuzzi precisa che al momento non è dato sapere se i vaccini che si stanno sperimentando saranno efficaci al cento per cento.

«Finora – spiega al quotidiano milanese – sono stati testati su venti, trenta, in un caso anche sessantamila volontari. Ma sono tutti giovani, che stanno bene. Bisogna vedere come reagiranno i soggetti a rischio, le persone con malattie che colpiscono il sistema immunitario, e che prendono farmaci immunosoppressori. Una cosa è certa: se proteggi molti, proteggi anche le fasce più deboli. Pfizer garantisce che funziona sul 90% delle persone testate. Ci basterebbe il 50% per essere contenti».

Lo studioso non ha dubbi sulle categorie di persone da vaccinare per prime: «gli operatori sanitari e le persone più fragili – risponde alla domanda del giornalista Marco Imarisio -. Poi, a scendere, agli over 60, fino alle fasce meno a rischio della popolazione».

Il vaccino, dunque, non avrà la capacità di far estinguere il virus. Potrà dare una copertura temporanea, agendo un po’ come una mascherina, cioè proteggendoci. L’effetto diretto è la creazione di anticorpi, quello indiretto la diminuzione del contagio. I sieri in corso di sperimentazione «saranno più simili ai vaccini antiinfluenzali che a quello della Polio. Ci proteggeranno dalla malattia, ma non la faranno sparire». È quello che si intende quando si dice che il virus diventerà endemico.

Per Remuzzi, «l’effetto combinato» di vaccino, responsabilità individuale e tempo, «farà diventare il Coronavirus come un raffreddore». Per questo suggerisce di non abbandonare le precauzioni ben note: mascherina, igiene delle mani, distanziamento.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube