Cronaca | News

Covid: primo cane positivo in Italia

11 Novembre 2020
Covid: primo cane positivo in Italia

È una barboncina. La famiglia con cui vive, al momento, è in quarantena: tutti positivi al virus.

È il primo cane positivo al Coronavirus in Italia: è una femmina di un anno e mezzo, razza barboncino. Abita a Bitonto, provincia di Bari, con una famiglia in isolamento perché risultata positiva al Covid.

La cagnolina non ha sintomi. È stata testata nell’ambito di uno studio su animali domestici. Si tratta del primo cane con in corso l’infezione da Sars-CoV2.

«La barboncina è stata contagiata dalla famiglia, ma non corre nessun pericolo – ha dichiarato all’Adnkronos Nicola Decaro, docente di Malattie infettive degli animali all’Università di Bari. – E voglio tranquillizzare chi ha animali domestici a casa: non c’è nessun pericolo».

Decaro spiega che, nel mondo, c’è circa una ventina di casi di Coronavirus documentato in cani e gatti. Questi ultimi spesso sono più sensibili all’infezione, ma la carica batterica è molto bassa, non infettante e i positivi attualmente conosciuti sono asintomatici.

L’Università di Bari ha esaminato 919 animali domestici, tra marzo e giugno. «Di questi – afferma il professore – alcuni erano conviventi con pazienti Covid (64 cani e 57 gatti), tutti sono risultati negativi. Mentre rispetto alla popolazione totale esaminata (919), il 3,3% dei cani e il 5,7 % dei gatti ha presentato anticorpi della malattia. Quindi, quasi il 9% era stato a contatto con il virus. La particolarità della barboncina di Bitonto è invece di essere il primo caso esaminato di cane con ancora il virus attivo».

La ricerca dev’essere ancora pubblicata. I positivi che hanno in casa cani e gatti, dal momento che possono contagiarli, dovrebbero affidarli temporaneamente ad amici o parenti negativi. «I cani o gatti positivi non sono un pericolo per l’uomo – dice Decaro -. Il rischio di contagio da cane o gatto è quasi zero».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube