Questo sito contribuisce alla audience di
Cronaca | News

Vaccino Covid: ecco come si sta preparando l’Italia

11 Novembre 2020
Vaccino Covid: ecco come si sta preparando l’Italia

Le prossime sfide saranno quelle di ottenere una quantità adeguata di dosi e di dotarsi di un meccanismo di distribuzione efficiente.

Il mondo è forse a un passo dal vaccino che renderà immuni – anche se solo temporaneamente – dal Coronavirus. La notizia dell’efficacia al 90% del siero Pfizer-BionTech ha riacceso le speranze e messo le ali alla ricerca, i competitors non vogliono essere da meno. Ma le sperimentazioni, anche se a buon punto, non sono ancora concluse.

Posto che vada tutto bene e che la burocrazia non allungherà i tempi, l’Italia dovrà dimostrarsi all’altezza di un compito fondamentale, una volta avuta la certezza che il vaccino c’è. Non basta che un vaccino ci sia: bisogna essere in grado di vaccinare.

Questo vuol dire che il Paese deve portare a termine molte altre sfide, dopo che il globo avrà vinto quella più difficile. Bisognerà essere in condizione di dare una risposta adeguata a una domanda che sarà altissima.

Si spera, peraltro, che lo sia: dall’efficacia del vaccino (si capirà realmente qual è alla fine delle sperimentazioni) dipende il numero minimo di italiani che si dovrà vaccinare per non rendere vani gli sforzi. Di conseguenza, quando i test saranno finiti, si avrà contezza di quante dosi servono.

Wired riporta stime numeriche che possono dare un’idea. Per esempio, se l’efficacia del vaccino fosse intorno all’80% si dovrebbero vaccinare circa il 60% degli italiani; se fosse al 70%, tre quarti della popolazione. L’efficacia del candidato di Pfizer-BionTech è stimata al 90%, quindi se poco più della metà degli italiani si vaccinasse, la copertura sarebbe buona e adeguata a proteggere.

In ogni caso, si parla di una vaccinazione di massa che dovrebbe coinvolgere almeno 30 milioni di persone. Più è bassa l’efficacia del vaccino, più dovranno aumentare i vaccinati.

Quanto a cosa sta facendo l’Italia per procurarsi le dosi, va detto che il nostro Paese è incluso negli accordi dell’Europa con i produttori. L’Unione europea, in base a queste intese, dovrebbe ricevere da Pfizer-BionTech 200 milioni di dosi, 400 da AstraZeneca (che lavora a un preparato artificiale insieme all’Università di Oxford e all’azienda di Pomezia Irbm). Secondo indiscrezioni, l’Italia dovrebbe avere 1,7 milioni di dosi di vaccino Pfizer entro fine gennaio.

E per la distribuzione? È un altro anello delicato di questo processo. L’obiettivo italiano è arrivare a somministrare alcuni milioni di dosi già a gennaio 2021. Si pensa a far vaccinare per prime alcune categorie di persone: operatori sanitari e anziani. L’Europa ha stilato le linee guida che confermano la priorità per questi soggetti, insieme a malati cronici e alcune tipologie di lavoratori.

Va insomma messo in piedi un sistema in grado di funzionare dall’approvvigionamento alla somministrazione. E per quest’ultimo passaggio focale servirà personale sanitario. Importante anche lavorare sulla comunicazione, specie in un Paese, come l’Italia, con una folta platea no-vax.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube