Cronaca | News

Covid: si allontana (per ora) l’idea del lockdown

12 Novembre 2020 | Autore:
Covid: si allontana (per ora) l’idea del lockdown

Rallenta la crescita della curva, Conte: avanti con misure regionali. Nuove restrizioni in altre cinque Regioni, attesa per la Campania.

Ora, Giuseppe Conte ha un argomento in più per lasciare nel cassetto l’ipotesi del lockdown nazionale, almeno per qualche tempo. Nell’incontro avuto nelle scorse ore con i vertici del Comitato tecnico scientifico che segue giorno per giorno i dati dell’emergenza Covid, ha avuto un primo segnale di fiducia: «Sembra esserci una prima piegatura della curva», si è sentito dire il premier dagli esperti. Erano le parole che voleva ascoltare: forse, le misure adottate con la raffica di Dpcm delle ultime settimane cominciano ad avere qualche effetto positivo.

Conte respira ma non esulta. I numeri non dicono che i contagi diminuiscono e che l’indice Rt retrocede, anzi: forse, ci sarà da attuare ulteriori restrizioni in alcuni territori. Volendo guardare il bicchiere mezzo pieno, però, si avverte che la diffusione del virus è rallentata. In altre parole: la curva non scende ma sale più piano. Nell’ultima settimana, i nuovi casi positivi non sono raddoppiati ma aumentati di un quarto. È un punto di partenza per arrivare al plateau, cioè al periodo in cui la curva resta piatta prima del picco per poi cominciare la discesa.

È per questo che Conte blinda la sua idea di non attuare per ora il lockdown «di Stato», anche se non si resterà con le mani in mano. Il piano del presidente del Consiglio è quello di continuare con le misure a livello regionale, intervenendo in maniera più o meno drastica laddove c’è più o meno bisogno. Non si possono ignorare, infatti, né le cifre relative ai morti (ieri erano 623 in 24 ore) né la situazione negli ospedali e nelle terapie intensive (molti, ormai, al collasso) e nemmeno la difficile situazione in cui si trovano i medici di famiglia.

In questo contesto, e cercando di resistere alle pressioni che all’interno della maggioranza spingono verso la chiusura totale prima che arrivi il Natale, Conte tira dritto per la sua strada. Misure territoriali significa rivedere la posizione di alcune Regioni, che potrebbero entro il fine settimana diventare zone rosse. Si parla di due attualmente arancioni, cioè Puglia e Liguria, e di tre gialle, vale a dire Emilia-Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia. In queste ultime tre Regioni potrebbero essere firmate oggi delle ordinanze restrittive da parte dei governatori. Da decidere ancora cosa fare con la Campania: il M5S la vuole in rosso, ma il ministero della Salute dice che il territorio non ha ancora dei numeri tali da giustificare una decisione del genere. Ad ogni modo, entro domani, la Campania dovrebbe cambiare colore. Come, lo si deciderà nelle prossime ore.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube