Condominio: più facile tenere l’assemblea a distanza

12 Novembre 2020 | Autore:
Condominio: più facile tenere l’assemblea a distanza

Sì del Senato all’emendamento che consente lo svolgimento della riunione in teleconferenza con il consenso della maggioranza e non di tutti i condòmini.

Se la maggioranza dei condòmini è d’accordo, è possibile tenere l’assemblea condominiale a distanza. Lo ha stabilito ieri il Senato. L’emendamento presentato a Palazzo Madama da Italia Viva-Psi ora dovrà ottenere il via libera dalla Camera, ma non ci dovrebbero essere intoppi: appena il provvedimento vedrà la luce, la partecipazione all’assemblea del condominio può avvenire in teleconferenza «anche se non espressamente previsto dal regolamento condominiale, previo consenso della maggioranza dei condomini».

Si tratterebbe di una svolta, visto che fino ad oggi è previsto il previo consenso di tutti i condòmini e non della maggioranza. In questo modo, ora l’amministratore potrà convocare l’assemblea nel momento in cui avrà raccolto il parere positivo della maggioranza dei condòmini. Da precisare che si parla di maggioranza numerica, non di millesimi. Significa che se nel condominio ci sono nove proprietari, basterà il consenso di cinque di loro per poter tenere la riunione in teleconferenza, anche se possiedono meno millesimi rispetto agli altri quattro.

Per esprimere il sì alla teleassemblea sarà sufficiente una lettera semplice o raccomandata, un’e-mail (non necessariamente una Pec), un telegramma o un videomessaggio. Ma, in teoria, anche un sms o un WhatsApp scritto o vocale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

4 Commenti

  1. Credo sia una buona soluzione. Anche perché così si va incontro a quei condomini che son o costretti a restare in quarantena e isolamento, anche volontario, perché sono entrati in contatto con un positivo. Quindi, cosa bisogna fare? La soluzione mi sembra valida

  2. Alla fine stiamo facendo tutto a distanza e ritengo che anche l’assemblea condominiale possa essere fatta telematicamente. Noi evitiamo di andare in ascensore con i nostri vicini. All’inizio, sembrava una cosa antipatica, ma ormai ci siamo abituati. Anzi, io ormai faccio sempre le scale, così mi muovo ed evito pure la sedentarietà potendo uscire solo per fare la spesa ecc

  3. Ma sino a oggi era possibile fare riunioni sia in remoto che in presenza senza il preventivo assenso dei condomini?
    La scorsa settimana ho partecipato a una riunione di condominio tenutasi nel piano pilotis della nostra palazzina, alla quale hanno erano presenti fisicamente una ventina di condomini e gli altri erano collegati via internet.
    Ho contestato all’amministratore questo modus operandi anche perchè non aveva preventivamente chiesto per iscritto alcuna autorizzazione acchè si potesse partecipare in presenza o a distanza (videoconference).
    Questi mi ha risposto che non ero aggiornato e che le assemblee di questo tipo erano addirittura suggerite per andare incontro alle esigenze di tutti ed evitare il più possibile potenziali diffusioni del COVID-19.

    1. Secondo la legge, affinché la partecipazione all’assemblea può avvenire in modalità di videoconferenza, è necessario il consenso di tutto il condominio. Si può derogare al consenso unanime dei condòmini soltanto nel caso in cui il regolamento di condominio ha previsto la teleassemblea come forma ordinaria di riunione oppure ha stabilito un quorum che può rendere possibile la celebrazione in questa modalità.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube