Cronaca | News

Covid: ecco i lockdown attivi nelle città

12 Novembre 2020 | Autore:
Covid: ecco i lockdown attivi nelle città

I sindaci chiudono alcune zone dei centri urbani più importanti. Attesa per la Campania: se non diventasse rossa, De Magistris potrebbe isolare Napoli.

Gli esperti del Comitato tecnico scientifico parlano di qualche segnale positivo che fa allontanare, almeno per il momento, lo spettro della chiusura totale del Paese. Ma tutti, comprese le varie anime del Governo, concordano sul fatto che non occorre abbassare la guardia nella lotta al coronavirus. La strategia è quella di intervenire con misure anche severe a livello territoriale e locale, in modo da diminuire i contagi ed allentare la pressione sugli ospedali e sulle terapie intensive laddove serve davvero, prima di penalizzare altre zone meno colpite dal Covid.

Oltre ai più che probabili spostamenti di alcune Regioni in zona arancione o rossa entro il fine settimana (alcune ordinanze potrebbero essere firmate in autonomia già oggi) sono stati decisi alcuni mini-lockdown in diverse città. Si tratta di quegli interventi consentiti dall’ultimo Dpcm. Ecco quelli che interessano i principali centri:

  • Roma: potenziati i controlli nei parchi della Capitale e sul litorale ed ingressi contingentati nelle vie dello shopping durante il fine settimana;
  • Firenze: chiusi bar e ristoranti durante il weekend, possibile divieto di accesso ad alcune piazze;
  • Palermo: divieto di stazionamento di persone nelle zone del centro della città fino al 3 dicembre dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 22 e dalle 5 alle 22 la domenica ed i giorni festivi. Stesso provvedimento sabato e domenica dalle 5 alle 22 in tutto il litorale, incluse spiagge, coste ed aree verdi aperte al pubblico;
  • Bologna: divieto di eventi e manifestazioni, comprese le esibizioni di artisti di strada, nelle piazze e nelle strade del centro storico cittadino;
  • Bari: chiusi tre giardini ed il parco per gli skateboard;
  • Verona: al vaglio del Comune divieti, controlli ed accessi contingentati al centro storico.

A livello regionale, è probabile che oggi arrivi l’ordinanza dei governatori di Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia e Veneto con maggiori restrizioni. Queste tre Regioni dovrebbero essere, comunque, traghettate domani sera dalla zona gialla a quella arancione con un provvedimento firmato dal ministro della Salute, Roberto Speranza. In attesa di sapere che cosa verrà deciso per la Campania. Lo stesso Speranza ammette che non ci sono i numeri per irrigidire le misure nella Regione, ma la pressione del personale sanitario e del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, potrebbero portare il territorio campano a fare un doppio salto dalla zona gialla alla zona rossa nelle prossime ore. Se così non fosse, cioè se solo la Campania diventasse arancione anziché rossa, De Magistris pensa già ad un’ordinanza per chiudere l’accesso all’intera città di Napoli per chi è residente in altri Comuni.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube