Cronaca | News

Covid: De Luca descrive così la situazione in Campania

12 Novembre 2020
Covid: De Luca descrive così la situazione in Campania

Secondo il governatore, la regione non sta ricevendo l’aiuto richiesto. In più, circolano informazioni non corrispondenti al vero sulla gestione dell’emergenza.

«Sciacallaggio». Così il presidente della Campania Vincenzo De Luca definisce il trattamento riservato alla sua regione in queste settimane. De Luca ne ha parlato in un infuocato post sul suo profilo Facebook.

«Continua lo sciacallaggio contro la Campania – ha scritto -. Prosegue una intollerabile campagna contro la sanità della Campania. Si sta diffondendo la notizia che l’Esercito verrà a montare un ospedale da campo nella nostra regione. Nessun ospedale da campo verrà in Campania. L’unica nostra richiesta è da tempo l’invio di medici e, da questo punto di vista, le risposte non sono arrivate. Il resto è sciacallaggio».

La notizia dell’ospedale da campo in Campania si era diffusa ieri sera, dopo la riunione tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e i capi delegazione delle forze di maggioranza. Era spuntata l’ipotesi di un intervento dell’Esercito e della Protezione civile a Napoli, non per problemi di ordine pubblico ma per alleggerire la pressione sulle strutture sanitarie, anche attraverso la messa a punto di ospedali da campo.

«Siamo lo Stato e se ci sono segnalazioni diffuse di criticità sulle strutture sanitarie della città di Napoli serve dare un segnale», avrebbe detto Conte nel corso della riunione.

Domani, intanto, verrà deciso in quale zona – rossa, arancione o gialla – inserire la Campania. «Vedremo il monitoraggio di domani e poi si deciderà quale colore per la Campania e per altre regioni – ha detto il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, intervistato stamattina all’Aria che tira, su La 7 -. Le misure arriveranno tra sabato e domenica, ma si daranno sempre 24 ore di tempo dopo l’ordinanza del ministro della Salute per l’organizzazione territoriale».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube