Diritto e Fisco | Articoli

Errore materiale in atto notarile: si può correggere?

14 Novembre 2020
Errore materiale in atto notarile: si può correggere?

Tizia e Caia, figlie di Mevia, hanno ereditato da una zia un cespite ereditario. In fase di successione e trascrizione dell’acquisto, purtroppo è stato commesso un errore materiale nella data di nascita di Tizia: si può correggere questo errore?

Gentile cliente, la situazione esposta in quesito racconta di un errore materiale avvenuto in occasione di una successione ereditaria, a seguito del quale la cointestataria di un bene risulta descritta con dei dati anagrafici scorretti e diversi da quelli reali.

Si tratta di una circostanza, nemmeno infrequente, che però richiede un’opportuna quanto dovuta correzione prima di procedere, ad esempio, alla cessione del cespite ereditato ed erroneamente intestato come rappresentato in quesito.

Tale possibilità è, espressamente, prevista dalla legge notarile [1]. Secondo questa norma, il notaio ha il potere di rettificare eventuali errori materiali commessi in atti precedenti. Lo può fare certificando l’avvenuta correzione all’interno di un apposito atto pubblico [2] che avrà poi il dovere di trascrivere nei registri immobiliari al fine di pubblicizzare l’atto e di renderlo opponibile ai soggetti terzi.

Tale correzione, evidentemente, si basa su dati preesistenti all’errore da sistemare. Da questi, infatti, si deve evincere chiaramente l’elemento da rettificare, senza che possa esserci spazio ad alcuna interpretazione personale che, invece, non sarebbe possibile.

Per intenderci è proprio il caso dell’errore materiale sui dati anagrafici dei soggetti coinvolti, sul codice fiscale dei medesimi, sui dati catastali di un bene, ecc.

In queste ipotesi, infatti, l’errore commesso è, semplicemente, frutto di una svista o di una banale disattenzione e non vi è alcuna incertezza sul contenuto dell’atto da correggere.

Ovviamente, prima di procedere alla rettifica e di certificare la revisione dell’errore, il notaio dovrà accertare gli elementi da cui ricavare il dato da modificare, eventualmente, allegando la documentazione idonea ad attestare quanto è necessario.

Pertanto, non è improbabile che il notaio utilizzi lo stato di famiglia storico della madre della Sig.ra Tizia (o eventualmente, altro documento su sua richiesta) per ricavare il dato oggettivo da rivedere, le ricordo, con atto pubblico che sarà debitamente trascritto.

A quest’atto potrà, quindi, seguire la cessione del cespite ereditario, opportunamente, corretto nel dato anagrafico del cointestatario.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Marco Borriello


note

[1] Legge 89/1913

[2] Art. 59 bis L. 89/1913


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube