Diritto e Fisco | Articoli

Se l’avvocato si prende i soldi dell’acconto e poi non fa la causa


Se l’avvocato si prende i soldi dell’acconto e poi non fa la causa

> Diritto e Fisco Pubblicato il 19 dicembre 2013



Il mio avvocato mi ha chiesto un anticipo per una causa, ma a distanza di tempo mi sono accorto che non ha mai iniziato alcun giudizio; posso denunciarlo per truffa?

La risposta è negativa. Infatti, la truffa scatta solo quando il soggetto colpevole pone in essere degli “artifici” (sulla realtà materiale) o dei “raggiri” (sulla vittima) al fine di impossessarsi del bene (il denaro) e trarne un utile personale.

Per aversi una truffa, infatti, è necessario che l’impossessamento del denaro sia una conseguenza della condotta fraudolenta. Al contrario, se gli artifizi o raggiri vengono compiuti in un momento successivo – magari perché l’avvocato mira, in questo modo, a coprire l’illecito da lui già realizzato o una eventuale dimenticanza o incuria nel procedere a notificare la citazione – allora non si può parlare di truffa.

In questi casi, ferma restando la responsabilità civile del legale (e, quindi, l’obbligo del risarcimento del danno oltre alla restituzione della somma anticipata) e quella deontologica, si potrebbe pensare a un altro tipo di reato come l’appropriazione indebita se l’avvocato non vuole restituire la somma anticipatagli dai clienti.

Sintetizzando: non si può parlare di una truffa da parte dell’avvocato nel momento in cui i clienti gli conferiscono il mandato professionale e gli pagano un acconto qualora la condotta fraudolenta, da questi posta in essere, avviene in un momento successivo alla consegna del denaro: e cioè quando i clienti cominciano a chiedergli conto dell’esito della causa.

note

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Allora mi chiedo, se ogni qualvolta ci rivolgiamo ad un avvocato dobbiamo portarci dei testimoni ? Laddove si ravvisasse la necessità di fargli assumere delle responsabilità . Tra l’altro, c’è da aggiungere che ogni volta che affidiamo incarico ad avv.to , gli firmiamo un mandato , lui a noi clienti che garanzie ci offre se la causa non è semplice ? Mi sembra il caso di dire è un cane che si morde la coda ! Oppure o ti mangi questa minestra o ti butti dalla finestra!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI