Diritto e Fisco | Articoli

Che cosa si intende per familiari conviventi?

13 Novembre 2020
Che cosa si intende per familiari conviventi?

Definizione di familiari conviventi e distinzione con nucleo familiare. I conviventi sono familiari conviventi?

Spesso, la legge parla di familiari conviventi senza però specificare cosa si intende con tale termine. Questo concetto potrebbe confondersi con quello di «nucleo familiare» con il quale ha più di un punto in comune. Si tratta infatti di due espressioni che prendono a riferimento un dato di fatto, ossia la presenza di più persone sotto lo stesso tetto.

In questo breve articolo spiegheremo che cosa si intende per familiari conviventi e proveremo a distinguere tale espressione da quella di nucleo familiare. 

Cosa si intende per familiari? 

Tecnicamente, i «familiari» sono le persone legate da vincolo di parentela come il coniuge, i figli, il padre, la madre, i fratelli, le sorelle, i nonni, gli zii, i cognati, i nipoti.

Di solito, per familiari si intendono i parenti ossia coloro che sono legati da un vincolo di consanguineità perché discendono dallo stesso stipite (ad esempio, il nonno, il bisnonno). 

In questo, i parenti si distinguono dagli affini (comunemente chiamati «parenti acquisiti») che sono quelle persone unite da un vincolo indiretto, come i parenti dell’altro coniuge. Vi rientrano, ad esempio, il suocero, la suocera, la nuora, il genero, la cognata.

Tuttavia, nella nozione di familiari la giurisprudenza ha incluso, ai fini della tutela civile, anche le persone stabilmente conviventi così come risultante dallo stato di famiglia. Così anche due partner non sposati potrebbero risultare conviventi. Tali garanzie possono rilevare, ad esempio, in caso di morte di uno dei due. Si legga, a riguardo, l’articolo Eredità: differenze tra matrimonio e convivenza.

Chi sono i familiari conviventi?

La «convivenza» si distingue dalla «coabitazione». Sono conviventi le persone unite da un legame affettivo stabile e duraturo in relazione al quale sono spontaneamente assunti impegni reciproci di assistenza morale e materiale. È convivenza quella di due partner o di due coniugi.  

La coabitazione è invece una situazione di fatto che consiste nella condivisione dello stesso alloggio, per ragioni di opportunità o convenienza. Potrebbero trovarsi in una situazione di coabitazione gli studenti che dividono le spese dell’affitto o anche due fratelli animati dallo stesso proposito. 

Alla luce di ciò possiamo ritenere che i familiari conviventi sono le persone che, unite da un legame di parentela o da un vincolo stabile (due partner che costituiscono una «famiglia di fatto»), convivono nello stesso alloggio per una scelta non di opportunità ma proprio per il legame affettivo che le unisce. Quindi, in questa accezione possono rientrare anche i partner, così come marito e moglie, i genitori con i figli, i nonni che – non occasionalmente – decidono di stabilirsi nella casa dei nipoti, e così via.

Non saranno familiari conviventi quindi due studenti che dividono l’appartamento. Non sono neanche familiari conviventi i nonni che, solo per un breve periodo di tempo, vengono ospitati a casa dei figli per stare qualche giorno con i nipoti. La convivenza infatti, per essere tale, deve essere «stabile» e «duratura», anche se non necessariamente definitiva.

Differenza tra familiari conviventi e nucleo familiare

Il nucleo familiare è composto anche da soggetti non conviventi purché siano a carico della stessa persona ai fini Irpef. Quindi, anche il figlio che studia fuorisede ma che è economicamente a carico dei genitori fa parte del nucleo familiare. Inoltre il nucleo familiare può essere composto da una sola persona (si pensi a una persona non sposata che vive da sola e non ha altri soggetti a carico). 

L’espressione “nucleo familiare” è impiegata dalla normativa soprattutto ai fini fiscali, ad esempio:

  • per gli assegni familiari (Anf);
  • per la dichiarazione unica sostitutiva (Dsu) per l’Isee;
  • per il reddito di cittadinanza (RdC) e così via.

Al contrario, come abbiamo visto, l’espressione di familiari conviventi presuppone:

  • una pluralità di soggetti;
  • una situazione di stabile e duratura convivenza. 

note

Autore immagine: it.depositphotos.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube