Diritto e Fisco | Articoli

Immigrati: da oggi le domande per extracomunitari di conversione o ingresso per lavoro non stagionale

20 dicembre 2013


Immigrati: da oggi le domande per extracomunitari di conversione o ingresso per lavoro non stagionale

> Diritto e Fisco Pubblicato il 20 dicembre 2013



Potranno essere presentate fino al 20 agosto 2014 le domande di conversione o di ingresso per lavoro non stagionale dei cittadini stranieri: quote assegnate in base all’ordine cronologico di ricezione della richiesta spedita dal lavoratore o dagli intermediari.

 

Dalle ore nove di oggi e fino al 20 agosto 2014 potranno essere presentate le domande di conversione o di ingresso per lavoro non stagionale dei cittadini stranieri.

Infatti è stato pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale”, il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che consente l’ingresso o la permanenza in Italia a 17.850 cittadini extracomunitari (ben 4mila in più rispetto al 2012).

Tale quota è ripartita nel modo seguente:

2.300 lavoratori autonomi di alto livello ovvero per la costituzione di imprese “start up innovative”;

3.000 lavoratori che abbiano completato i programmi di formazione nei Paesi d’origine ai sensi dell’articolo 23 del Testo unico immigrazione;

100 lavoratori subordinati o autonomi, discendenti da italiani e residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela o Brasile;

200 partecipanti all’Expo 2015;

4.000 conversioni da lavoro stagionale a lavoro subordinato;

6.000 conversioni da studio, tirocinio o formazione professionale in lavoro subordinato;

1.000 conversioni da permesso Ce per soggiornanti di lungo periodo rilasciato da altri Stati membri in lavoro subordinato;

1.000 conversioni da studio, tirocinio o formazione professionale in lavoro autonomo;

250 conversioni da permesso Ce per soggiornanti di lungo periodo rilasciato da altri Stati membri in lavoro autonomo.

Le quote saranno assegnate secondo l’ordine cronologico di ricezione. Lo straniero potrà fare da sé oppure rivolgersi ad associazioni e patronati.

Gli invii cumulativi da parte dei patronati ovvero dei professionisti abilitati verranno gestiti dal sistema informatico come una serie di singole spedizioni che saranno protocollate in base all’ordine di compilazione.

Il rilascio del permesso di soggiorno è possibile anche in occasione del primo ingresso in Italia del lavoratore stagionale senza che sia necessario il preventivo rientro dello stesso nel proprio Paese di origine.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI