Periodi non lavorati: ora utili per la pensione

16 Novembre 2020 | Autore:
Periodi non lavorati: ora utili per la pensione

Lavoratori in regime di part time verticale e misto: la legge di Bilancio prevede l’utilità delle giornate di inattività ai fini pensionistici.

Finalmente, una buona notizia per i dipendenti in regime di part time verticale e misto, cioè che non prestano servizio in tutte le giornate lavorative: questi lavoratori, grazie alle previsioni della legge di Bilancio 2021 [1], potranno infatti beneficiare del riconoscimento delle giornate non lavorate ai fini della pensione.

In pratica, anche i periodi in cui i lavoratori con part time ciclico non svolgono l’attività saranno utili per raggiungere il diritto a pensione, alla pari di quanto disposto a favore dei lavoratori in regime di part time orizzontale (ossia dei dipendenti che svolgono l’attività durante tutte le giornate lavorative, ma con orario ridotto).

I dipendenti con contratto a tempo parziale orizzontale, nel dettaglio, possono far valere un’intera annualità utile alla pensione qualora raggiungano la retribuzione minima per l’accredito di un anno di contributi: questa retribuzione minima, per il 2020, è pari a 10.724 euro annui, cioè alla retribuzione minima imponibile settimanale (che corrisponde al 40% del trattamento minimo mensile vigente, ossia a 515,58 euro x 40%, quindi a 206,23 euro) moltiplicata per 52 settimane.

Se il valore degli stipendi annui (cioè la somma degli imponibili previdenziali o imponibili Inps presenti nelle buste paga di tutto l’anno) è inferiore, l’Inps accredita le settimane utili per il diritto alla pensione in modo proporzionale, riducendo le 52 settimane. Ad esempio, se lo stipendio annuo del dipendente part time è pari a 5mila euro, l’Inps accredita 24 settimane (ossia 5.000/206,23 euro) anziché 52, anche se risulta lavorato l’intero anno.

In base a quanto disposto dalla legge di Bilancio 2021, questo meccanismo sarà applicato anche ai lavoratori con contratto a tempo parziale verticale o misto: ai fini del diritto al pensionamento rileveranno dunque le sole retribuzioni e i periodi non lavorati potranno dunque essere considerati utili.

Potranno essere considerate ai fini pensionistici anche le giornate non lavorate relative a contratti di lavoro part time cessati, dietro apposita domanda.

In ogni caso, la pensione calcolata utilizzando i periodi di inattività nel part time verticale dovrà avere una decorrenza successiva all’entrata in vigore della legge di bilancio 2021.


note

[1] Art. 56 Disegno di legge di bilancio 2021 – Bozza Articolato del 13 novembre 2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube