Diritto e Fisco | Articoli

Denuncia dei vizi al direttore dei lavori anche dopo 8 giorni

22 Dicembre 2013
Denuncia dei vizi al direttore dei lavori anche dopo 8 giorni

I vizi dell’opera possono essere denunciati al direttore dei lavori anche oltre il termine di otto giorni dalla scoperta: la decadenza prevista dal codice civile non si applica alle prestazioni di attività intellettuale del professionista.

Ogni volta che si commissiona a qualcuno la realizzazione di un’opera, qualora l’opera stessa non sia a regola d’arte e presenti dei vizi, il committente ha otto giorni di tempo – che decorrono dalla scoperta dei difetti – per denunciare al prestatore d’opera tali vizi. Se non lo fa, il committente decade dalla possibilità di far valere in tribunale le proprie ragioni [1].

Ma attenzione: questa norma non vale per i difetti che derivano da una prestazione professionale. Nel caso, per esempio, in cui i vizi derivino dall’operato del direttore dei lavori, infatti, i difetti dell’opera possono essere denunciati anche oltre gli otto giorni dalla scoperta.

Lo ha sancito la Cassazione con una recente sentenza [1]. In particolare, è stato accolto il ricorso del cliente di un architetto che, insoddisfatto dei lavori da questo condotti, aveva inviato una raccomandata al professionista pervenuta oltre gli otto giorni.

Secondo la Corte, la suddetta norma del codice civile che impone la denuncia entro 8 giorni (cosiddetta decadenza dell’azione di garanzia per vizi dell’opera) [1] non si applica alla prestazione d’opera intellettuale, e in particolare alla prestazione del professionista che abbia assunto l’obbligazione della redazione di un progetto di ingegneria o della direzione dei lavori.

Il termine di otto giorni vale solo per le prestazioni di carattere “manuale” come, per esempio, la realizzazione di un cancello, della pitturazione di un appartamento, ecc.


note

[1] Art. 2226 cod. civ.

[2] Cass. sent. n. 28575 del 20.12.2013.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube