Cronaca | News

Covid: ecco la prossima Regione in zona rossa

18 Novembre 2020 | Autore:
Covid: ecco la prossima Regione in zona rossa

Da oggi, il lockdown in Abruzzo, ma anche la Puglia (oggi arancione) si prepara a misure più restrittive. L’assessore alla Sanità: è l’unica soluzione.

È destinato ad aumentare il numero delle Regioni in zona rossa. A Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Calabria, Campania, Toscana e Alto Adige, oggi si aggiunge l’Abruzzo e, nei prossimi giorni, dovrebbe essere il turno della Puglia. I dati registrati nelle ultime ore spingerebbero in questa direzione. Ieri, i nuovi casi positivi sono stati 1.234, le vittime 36. Ieri, l’assessore regionale alla Sanità, Pier Luigi Lopalco, aveva ammesso in un’intervista alla trasmissione di Radio Rai Un giorno da pecora che «l’unico modo per bloccare l’avanzata del virus è quello di limitare i contatti sociali, non ne usciamo». A sostegno della sua tesi, Lopalco ha citato l’esempio della Germania: «Ha terapie intensive dappertutto, sovradimensionate rispetto a qualunque altro sistema sanitario, e ha fatto il lockdown».

Intanto, come accennato, da oggi anche l’Abruzzo è in zona rossa. «Abbiamo potuto sostenere la situazione fino ad ora – spiega il governatore Marco Marsilio – perché abbiamo fatto una parte di lavori che ha consentito di assorbire l’urto. Ora, però, la capacità degli ospedali è molto limitata, soprattutto alla luce del fatto che non mi hanno permesso di completare gli interventi e avere una capacità di resistenza più prolungata nel tempo. Ascoltiamo – conclude Marsilio – il grido di dolore di medici, infermieri e pazienti che hanno difficoltà ad accedere nei Pronto soccorso e nei reparti di Terapia intensiva».

Via, dunque, alle restrizioni più severe. Restrizioni che non impediranno ai fedeli di partecipare alle messe, purché escano di casa con l’autocertificazione in mano, come ha confermato la Conferenza episcopale locale.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube