Test rapidi Covid, arriva l’ok Ue

18 Novembre 2020
Test rapidi Covid, arriva l’ok Ue

Bruxelles, 18 nov. (Adnkronos) – Gli Stati membri dell’Ue dovrebbero utilizzare test rapidi antigenici “quando la disponibilità di test real-time Pcr”, i tamponi, è “limitata”, per testare “individui con sintomi compatibili con la Covid-19” laddove “la percentuale di positivi” sul totale dei test effettuati è “elevata o molto elevata, per esempio maggiore o uguale al 10%”. Lo consiglia la Commissione Europea, in una raccomandazione sull’uso dei test rapidi per la diagnosi del contagio da coronavirus Sars-CoV-2. I test rapidi andrebbero usati anche “nel contesto del tracciamento dei contatti”, a prescindere dalla presenza di sintomi, e anche per l’accettazione nelle strutture ospedaliere o assistenziali, nonché per testare il personale sanitario, se scarseggiano i tamponi o gestirli diventa impossibile, in contesti di alta prevalenza.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube