Cronaca | News

Covid: i rischi del lockdown in famiglia

18 Novembre 2020
Covid: i rischi del lockdown in famiglia

Un sondaggio rivela come l’aggressività dei genitori nei confronti dei figli sia aumentata nel periodo in cui il Paese era blindato a causa della pandemia.

Il lockdown ha avuto strascichi sulla salute mentale di molti e anche sulle relazioni con i propri conviventi. Durante il periodo della prima ondata di Coronavirus in cui l’Italia era reclusa in casa, lo stress emotivo è stato molto e la sua gestione si è rivelata complicata.

Dev’essere stato per questo se i genitori hanno perso la pazienza più frequentemente, nei confronti dei figli. Lo testimonia un’indagine dell’Università Milano Bicocca; la presentazione avverrà via webinar il 24 novembre, alcuni dati, però, sono già stati resi noti.

Quattrocento gli intervistati italiani, tra madri e padri, su un totale di circa mille genitori anche di altri Paesi. L’indagine, infatti, era eseguita nell’ambito del progetto europeo Digitised Education Of Parents For Children Protection (Depcip).

L’84% del campione ha detto di aver gridato di più con i propri bambini e ragazzi, durante il lockdown. Il 29%, invece, ha detto di averli puniti.

Rispondendo alle domande, un genitore su cinque ha affermato di essere stato più duro del solito, o almeno di aver avuto questa impressione, ma è anche emersa la grande verità del trauma: il 70% degli intervistati ha confermato l’umore altalenante, tra momenti di serenità e di estremo disagio misto a preoccupazione.

Il lockdown è stato però anche un’occasione per riscoprire spazi della casa poco usati o valorizzati, come ad esempio balconi e cortili, diventati per alcuni (18%) luoghi di condivisione del tempo con i propri figli.

A proposito di spazi, dall’indagine è risultato anche come scuole, parchi e palestre siano quelli di cui si è più sentita la mancanza nel periodo più duro della prima ondata.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube