Diritto e Fisco | Articoli

Rivali in amore si prendono a botte: basta un graffio e scatta la condanna per lesioni

22 Dicembre 2013
Rivali in amore si prendono a botte: basta un graffio e scatta la condanna per lesioni

Per aversi il reato di lesione personale è sufficiente anche un tipo di lesione lieve come un graffio.

Basta poco per far scattare il reato di lesione personale [1]. Nel caso, per esempio, di una colluttazione tra rivali, infatti, anche un semplice graffietto può far scattare un processo penale.

Infatti, è sufficiente, a commettere il reato in commento, qualsiasi alterazione anatomica e funzionale dell’organismo, anche localizzata, lieve e non compromettente le condizioni organiche generali. Dunque, anche un segno sul viso.

A dirlo è una recente sentenza della Cassazione [1] che ha giudicato il caso di due donne, rivali in amore, tra cui era sorto un alterco verbale, durante il quale una delle due si era lasciata sfuggire una “manata” di troppo.

Graffio = lesioni.

Secondo l’orientamento della Suprema Corte, la nozione di “malattia“, richiesta dalla legge perché scatti il reato di lesione personale, ricomprende qualsiasi alterazione anatomica o funzionale dell’organismo, ancorché localizzata, di lieve entità e non influente sulle condizioni organiche generali, onde lo stato di malattia perdura fino a quando sia in atto il suddetto processo di alterazione.


note

[1] Art. 582 cod. pen.

[2] Cass. sent. n. 51393 del 20.12.2013.

Autore immagine: 123rf.com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube