Salute: nel 2050 ‘super batteri’ prima causa di morte, al via campagna

18 Novembre 2020
Salute: nel 2050 ‘super batteri’ prima causa di morte, al via campagna

Roma, 18 nov. (Adnkronos Salute) – Mentre il coronavirus dilaga, funghi e batteri avanzano e diventano sempre più resistenti ai farmaci in grado di annientarli. Senza una maggiore consapevolezza dei cittadini, e in assenza di interventi strutturali, nel 2050 i batteri multiresistenti saranno la principale causa di morte al mondo. Mentre già oggi alcuni pazienti affetti da Covid-19 possono sviluppare sovrainfezioni da germi multiresistenti che aggravano il quadro clinico. Ogni anno nei Paesi Ue si registrano circa 33mila decessi causati da batteri resistenti agli antibiotici e quasi un terzo – oltre 10mila – riguardano l’Italia. L’invito a non sottovalutare le infezioni fungine e batteriche, mentre l’attenzione è concentrata su una malattia virale come il Covid-19, è la campagna d’informazione ‘Non scordiamoci funghi e batteri. Difendiamo insieme gli antimicrobici’, promossa da Pfizer in occasione della World Antimicrobial Awareness Week (Waaw 2020) che si celebra dal 18 al 24 novembre.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube