Diritto e Fisco | Articoli

Obbligo del figlio nei confronti dei genitori anziani e malati

2 Febbraio 2021
Obbligo del figlio nei confronti dei genitori anziani e malati

I figli hanno il dovere di assistere il genitore di una certa età ed affetto da patologie invalidanti?

Da qualche tempo, i tuoi genitori non sono più gli stessi. Sono molto invecchiati e non riescono più ad essere autonomi come una volta. Le loro condizioni di salute poi non sono delle migliori. Tua madre soffre di pressione alta ed artrosi, mentre tuo padre ha problemi di cuore. Per tale ragione, non sei tranquilla nel sapere che vivono da soli. Loro, però, non vogliono nessuna forma di aiuto.

In questo articolo parleremo dell’obbligo del figlio nei confronti dei genitori anziani e malati. Devi sapere che un figlio deve prestare assistenza alla madre e al padre se gli stessi risultano incapaci o versano in stato di bisogno. Un assunto che non appare poi così pacifico, considerati i contrasti che spesso caratterizzano i rapporti tra fratelli e sorelle. Se anche tu vivi una situazione del genere e non sai come comportarti, ti consiglio di proseguire nella lettura.

Obbligo del figlio nei confronti dei genitori anziani e malati

Quando il padre e la madre versano in stato di bisogno, per ragioni economiche o di salute, i figli (anche se adottivi) devono intervenire corrispondendo loro gli alimenti, ossia una somma di denaro necessaria per il sostentamento (pensa, ad esempio, alle spese per le medicine, al vitto, all’alloggio). Il Codice civile [1], infatti, prevede che l’obbligo di contribuzione grava sul coniuge o, in sua assenza, sui familiari tra cui in primis i figli in base alle proprie capacità economiche.

Gli alimenti, quindi, non sono altro che una misura assistenziale proporzionata in relazione al bisogno di chi li richiede ed alle concrete capacità reddituali del soggetto obbligato. Tuttavia, il figlio può scegliere, in via alternativa, di corrispondere al genitore un assegno periodico oppure di accoglierlo presso la propria abitazione.

Il dovere di assistenza, però, non si arresta al livello economico. Sebbene non ci sia una regola scritta che imponga al figliolo di assistere moralmente il genitore, tuttavia lasciare un padre malato ed anziano a sé stesso potrebbe configurare un’ipotesi di abbandono di persone incapaci penalmente sanzionata dal Codice penale. Secondo l’orientamento giurisprudenziale prevalente, il dovere giuridico e morale ravvisabile in capo al figlio trova fondamento nella Costituzione che riconosce la famiglia come società naturale [2] e come formazione sociale ove i singoli svolgono la loro personalità.

Infine, va precisato che gli obblighi appena descritti scattano solo nel momento in cui ci siano urgenti necessità ed un pericolo per la vita del genitore anziano. Ne consegue, quindi, che non si può costringere un figlio a prendersi cura del padre o della madre (ad esempio, fare loro la spesa, accompagnarli alle visite mediche, ecc.) se gli stessi sono in salute e possono cavarsela benissimo da soli.

Che fare se i figli si disinteressano dei genitori?

Come ti ho già anticipato poc’anzi, il figlio che non vuole proprio saperne dei genitori anziani e malati commette il reato di abbandono di persone incapaci [3], punito dal Codice penale con la reclusione fino a cinque anni. Per la configurabilità del reato, tuttavia, occorre che il genitore non sia in grado di provvedere a sé stesso, perché ad esempio affetto da una patologia invalidante, e che da tale abbandono derivi una situazione di pericolo, anche solo potenziale, per la sua vita o la sua incolumità. Ti faccio un esempio.

Tizio ha 85 anni ed è affetto da una grave forma di demenza senile. Nonostante la malattia degenerativa, l’uomo viene lasciato a casa da solo e nessuno dei suoi figli si occupa di lui.

Nell’esempio che ti ho riportato, sono evidenti i pericoli a cui è esposto Tizio: dal dimenticarsi di mangiare agli infortuni che potrebbero capitare in casa.

Se poi il figlio non corrisponde al genitore gli alimenti, nonostante l’evidente stato di bisogno, commette il reato di violazione dei mezzi di assistenza familiare [4], sanzionato con la reclusione fino a un anno e la multa fino ad euro 1.032.

Che fare quindi? In entrambi i casi, è possibile presentare una denuncia alle autorità territorialmente competenti (polizia, carabinieri o Procura della Repubblica). Nel caso in cui i figli non riescano a mettersi d’accordo sugli alimenti da corrispondere ai propri genitori, non resta che ricorrere al giudice, il quale decide la misura dell’assegno e le modalità di ripartizione.

Come comportarsi se i genitori rifiutano l’assistenza dei figli?

I genitori di una certa età rifiutano spesso l’aiuto da parte dei figli, sostenendo che possono cavarsela benissimo da soli. In casi del genere, sono in molti a credere di rispettare la volontà del padre o della madre facendo firmare loro una carta in cui dichiarano di non aver bisogno di nessun aiuto e di essere perfettamente autonomi. Tale documento, però, non esonera da eventuale responsabilità penale per il reato di abbandono di persona incapace. È compito del figlio, infatti, individuare la forma di protezione più adeguata alla specifica situazione (ad esempio, assicurare la presenza di un’infermiera oppure una badante) e se la situazione diventa ingestibile, perché il genitore insiste nel voler fare tutto da solo nonostante le patologie di cui è affetto, allora non resta che rivolgersi al giudice tutelare per chiedere che venga nominato un amministratore di sostegno oppure un tutore.


note

[1] Art. 433 cod.civ.

[2] Art. 29 cost.

[3] Art. 591 cod.pen.

[4] Art. 570 cod.pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. SuC cede che il genitore accusa il figlio che picchia , che ruba , a questo punto come si deve comportare un figlio, quando la propria madre fa cambiare la serratura della porta , e non vuole l’aiuto del figlio, e un problema , a me e successo che mio padre e andato dai carabinieri piangendo e dicendo che io lo volevo ammazzare, il maresciallo dei carabinieri ci a creduto , mi ha invitato rimproverandomi e minacciando mi di arresto , io ci sono rimasto così male , troppo male perché con tutta la mia buona fede io mica volevo che mio padre morisse , ci sono delle leggi che sicontrastano mettendo genitori contro i figli , e figli contro genitori, le mie sorelle si sono messi contro di me cercando delle prove per denunciare, non c’è ne sono stati prove , era più di 10 anni che non vedevano nostro padre , l’unico ero sempre io a correre , ho dovuto allertare i servizi sociali , e tutta la famiglia si è messa contro di me , successivamente mio papà e deceduto , adesso lo stesso problema è con mia mamma che non vuole essere aiutata , parlo con i miei fratelli , sorelle , che vivono lontano , loro dicono : se mamma vuole rimanere da sola lasciala sola, mia mamma già mi a accusato di avergli rubato soldi , e addirittura di averle rubato la rete del letto, io ho paura perché se anche mia mamma mi va a denunciare dai carabinieri , io non sarò più creduto, ho devo ancora allertare i sevizi sociali , ne ho parlato con i miei sorelle e nessuno vuole che lo faccia , come mi devo comportare?

  2. questa normativa mi pare piu che logica ed umana perche’ si affidare il genitore ad un badante e’ ottimo ma bisogna comunque vigilare l’operato di quest’ultimo ed e’ di obbligo mantenere un genitore che versa in stato di indigenza se poi lui stesso rifiuta l’aiuto allora e’ meglio rivolgersi da un legale per togliersi da eventuali contenziosi penali e civili che otrebbero sorgere

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube