Cronaca | News

Covid, zone rosse e arancioni: la decisione di Speranza

20 Novembre 2020 | Autore:
Covid, zone rosse e arancioni: la decisione di Speranza

Ordinanza del ministro della Salute in vigore da oggi fino al 3 dicembre: confermata la situazione dei giorni scorsi con l’aggiunta dell’Abruzzo in rosso.

Resta tutto così com’è ancora per due settimane. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza, in vigore da oggi, con cui conferma le misure restrittive adottate all’inizio di novembre. In pratica, Calabria, Lombardia, Valle d’Aosta e Piemonte rimangono zone rosse, mentre Puglia e Sicilia si confermano in zona arancione, «ferma restando – si legge nel provvedimento di Speranza – la possibilità di una nuova classificazione», come previsto dal decreto firmato da Conte il 3 novembre scorso. Alle zone maggiormente a rischio, e quindi con le restrizioni più severe, si è aggiunta oggi l’Abruzzo.

Sfumano, quindi, per ora le ambizioni di Lombardia e Piemonte di cambiare colore e, quindi, di allentare le restrizioni da oggi. Entrambe si trovano tecnicamente in zona arancione, ma dovranno ancora aspettare. Come detto, però, il Dpcm prevede la possibilità di «nuova classificazione» che, comunque, non arriverà prima del 27 novembre.

In sintesi, la situazione dell’Italia nei prossimi giorni sarà questa:

  • zone rosse: Lombardia, Piemonte, Valle d’Aosta, Calabria, Abruzzo, Toscana, Campania, Provincia autonoma di Bolzano;
  • zone arancioni: Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia-Romagna, Marche, Umbria, Puglia, Basilicata e Sicilia;
  • zone gialle: Provincia autonoma di Trento, Veneto, Lazio e Sardegna.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube