Business | Articoli

Stop studi di settore: i beni strumentali acquistati con mutui non vanno considerati

30 Ottobre 2014
Stop studi di settore: i beni strumentali acquistati con mutui non vanno considerati

Nell’attività commerciale con grande flusso di cassa e ricambio di merce ma ridotto margine di utile, il reddito dichiarato può essere vero perché la liquidità è reinvestita invece che costituire introito.

Non si possono applicare gli studi di settore all’azienda se, nella ricostruzione del reddito, il fisco fa rientrare anche i beni strumentali contratti col mutuo. Le “immobilizzazioni materiali” non sono beni destinati alla vendita e, dunque, non possono concorrere a formare la stima degli acquisti effettuata dall’Ufficio.

Lo ha chiarito la Commissione Tributaria Regionale di Potenza con una recente sentenza del 21 ottobre scorso [1].

Nel merito, spiegano i giudici, bisogna tenere conto della natura dell’attività svolta dall’impresa e del tipo di prodotti venduti. Se, infatti, come nel caso di vendita al dettaglio di un discount, tale attività commerciale viene esercitata in base a pronta disponibilità che viene impiegata negli acquisti di merce da rivendere, nella copertura dei costi di gestione ( canone di locazione, dipendenti, utenze e così via) e negli investimenti con un mutuo, allora l’applicazione “cieca” del redditometro può portare a dei risultati errati.

L’attività del discount si fonda sull’eccezionale flusso di cassa, con rapida rotazione di merce e riduzione del margine di utile. Dunque, il reddito netto dichiarato non appare incompatibile con la gestione che predilige la destinazione della liquidità al reinvestimento a breve termine (acquisto di merce, generi alimentari ) e a medio e lungo termine (mutuo per beni strumentali ) piuttosto che la diversa destinazione del ricavato a reddito di impresa.


note

[1] CTR Potenza, sent. n. 542/14 del 21.10.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube