Diritto e Fisco | Articoli

Come chiedere l’anticipo del Tfs

12 Marzo 2021 | Autore:
Come chiedere l’anticipo del Tfs

Come presentare domanda all’Inps per ottenere un’anticipazione sino a 45mila euro del trattamento di fine servizio.

L’Inps, con un nuovo messaggio [1] ha dato il via alla presentazione delle domande per ottenere l’anticipo del Tfs o del Tfr, cioè del trattamento di fine servizio o di fine rapporto, a favore dei dipendenti pubblici.

Per la precisione, all’Inps deve essere inviata la domanda di quantificazione online dell’anticipo finanziario del trattamento di fine servizio (Tfs) e del trattamento di fine rapporto (Tfr), in quanto non è l’istituto a erogare direttamente il trattamento, ma la liquidazione è a carico delle banche convenzionate, alle quali il lavoratore richiede un prestito.

La domanda all’Inps serve invece per certificare l’ammontare dell’anticipo che può essere richiesto dal dipendente pubblico.

Come chiedere l’anticipo del Tfs? Gli utenti possono presentare la domanda tramite i patronati oppure in modo diretto, accedendo con le proprie credenziali ai servizi online presenti all’interno del sito web dell’Inps: “Simulazione del Tfs o invio domanda di quantificazione del Tfs”, oppure “Richiesta quantificazione Tfr per dipendenti pubblici e dichiarazione beneficiari/eredi per liquidazione Tfr, Domanda”.

L’Inps, inoltre, indica le modalità operative per la selezione della banca per il finanziamento e fornisce le informazioni dettagliate sulle certificazioni relative all’ammontare del trattamento spettante. Ma procediamo con ordine, ricordando in che cosa consiste il beneficio dell’anticipazione del trattamento di fine rapporto o di fine servizio.

A che cosa serve l’anticipo Tfs e Tfr?

I dipendenti pubblici, sia in regime di Tfs, cioè di trattamento di fine servizio (per approfondire: Tfs dei dipendenti pubblici), che in regime di Tfr, ossia di trattamento di fine rapporto, ricevono la liquidazione piuttosto tardi nella generalità dei casi.

Chi ha diritto alla pensione anticipata, ad esempio, attende la liquidazione per due anni e tre mesi dal momento della cessazione dal servizio, chi esce dal lavoro con quota 100 può attendere addirittura 7 anni. Inoltre, il Tfs ed il Tfr non sono liquidati in un’unica soluzione se l’importo eccede 50mila euro, ma in rate annuali.

Grazie a un recente decreto [2], però, è sorta la possibilità di ottenere un anticipo della liquidazione sino a 45mila euro, tramite prestito bancario. La possibilità riguarda coloro che ottengono la pensione ordinaria Fornero o quota 100.

Quando sono pagati Tfs e Tfr?

Le prestazioni in regime di Tfs e Tfr, per i lavoratori del pubblico impiego, sono corrisposte:

  • entro 105 giorni dalla fine del rapporto di lavoro: in caso di cessazione per inabilità e decesso;
  • entro 12 mesi più 90 giorni dal termine del rapporto: in caso di cessazione per fine contratto a tempo determinato, per raggiunti limiti di età o risoluzione unilaterale da parte del datore di lavoro per raggiungimento del diritto alla pensione anticipata;
  • entro 24 mesi più 90 giorni dal termine del rapporto: in caso di dimissioni volontarie con o senza diritto alla pensione anticipata, licenziamento o destituzione dall’impiego;
  • entro 24 mesi dal termine del rapporto: se la cessazione avviene prima del limite ordinamentale, con anzianità contributiva almeno pari a 18 anni al 31 dicembre 1995, quindi con diritto al sistema di calcolo retributivo della pensione.

Per chi cessa dal servizio con diritto alla pensione quota 100, i termini di pagamento decorrono dal momento in cui il diritto alla pensione sarebbe maturato, in base ai requisiti previsti per il trattamento di vecchiaia o anticipato, tenendo conto degli adeguamenti dei requisiti pensionistici alla speranza di vita.

Pagamento a rate

Le indennità in regime di Tfs e Tfr sono inoltre corrisposte:

  • in un’unica soluzione, se l’ammontare è pari o inferiore a 50mila euro;
  • in due rate annuali, se l’importo è tra 50mila e 100mila euro (la prima rata è pari a 50mila euro, la seconda pari all’ammontare residuo);
  • in tre rate annuali, se l’importo è superiore a 100mila euro (la prima rata è pari a 50mila euro, la seconda pari a 50mila euro, la terza pari all’ammontare residuo).

Come funziona l’anticipo del Tfs e del Tfr?

Chi accede al pensionamento, per non attendere le tempistiche di pagamento del Tfr o del Tfs, può richiedere, all’atto della cessazione dal servizio, una somma pari alla liquidazione maturata, sino a un massimo di 45mila euro.

L’anticipo del Tfs è riconosciuto attraverso un prestito bancario: il finanziamento e gli interessi saranno restituiti integralmente, scomputandoli dall’indennità di fine servizio liquidata al pensionato, secondo le tempistiche di liquidazione ordinarie.

Come richiedere la quantificazione dell’anticipo

Per richiedere l’anticipazione, o meglio la certificazione relativa all’importo dell’anticipo, l’interessato deve:

  • chiedere all’Inps la certificazione del diritto al Tfs o al Tfr, selezionando, a seconda che sia in regime di Tfs o di Tfr, uno dei due servizi dedicati:
    • “Simulazione del Tfs o invio domanda di quantificazione del Tfs”, “Quantificazione Tfs”;
    • “Richiesta quantificazione Tfr per dipendenti pubblici e dichiarazione beneficiari/eredi per liquidazione Tfr, Domanda”, “Quantificazione Tfr”;
  • selezionare la banca prescelta per l’operazione di finanziamento, dall’elenco delle banche presente nel sistema informatico dell’Inps;
  • dichiarare, all’atto della presentazione di domanda di anticipo finanziario, di avere avuto accesso alla pensione “Fornero” [3] o alla pensione quota 100.

Certificazione Tfs o Tfr

La certificazione prodotta dall’Inps:

  • è rilasciata dall’Inps entro 90 giorni;
  • è resa disponibile nell’area riservata del cittadino del sito web dell’Istituto;
  • può essere visualizzata accedendo al “Cassetto previdenziale”;
  • indica l’ammontare complessivo della prestazione spettante e della data di maturazione del diritto al pagamento della liquidazione.

Richiesta anticipo Tfs o Tfr alla banca

Il cittadino deve presentare alla banca:

  • la certificazione Inps;
  • la domanda di erogazione dell’anticipazione sul proprio conto corrente;
  • la proposta di contratto di anticipo debitamente sottoscritta;
  • l’autodichiarazione sullo stato di famiglia.

Concluso il contratto e comunicato il conto corrente su cui accreditare la somma, la banca avverte l’Inps, che ha 30 giorni per rendere indisponibile la somma richiesta a titolo di anticipo del Tfs o del Tfr e comunicare alla banca stessa l’esito positivo della richiesta.

Successivamente ed entro 15 giorni dall’esito positivo, la banca eroga il prestito, che dura sino al momento della maturazione del diritto alla riscossione del Tfs o del Tfr.

L’Inps estingue il finanziamento al momento della maturazione del diritto al Tfr o al Tfs.


note

[1] Inps messaggio 4315/2020.

[2] DL 4/2019.

[3] Art. 24 DL 201/2011.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube