Retina: ecco la terapia per non farla invecchiare

20 Novembre 2020
Retina: ecco la terapia per non farla invecchiare

Una tecnica innovativa permette di impedire la degenerazione del tessuto, cui si va incontro in tarda età. Si sta sperimentando sugli animali.

Si chiama degenerazione maculare senile. Vuol dire che, con l’età che avanza, la retina, membrana interna del bulbo oculare, va incontro a deterioramenti che non sono nient’altro che un processo di invecchiamento. Ne soffre circa il 10% degli anziani.

Una terapia sperimentale può riuscire a bloccare questo fenomeno. Al momento, è ancora in fase di test sugli animali. Si tratta di una retina artificiale liquida che viene iniettata nell’occhio.

Ne ha parlato Grazia Pertile, dirigente dell’Unità operativa oculistica dell’Irccs ospedale Sacro cuore Don Calabria di Negrar di Verona, al Festival del Futuro, in corso nella città scaligera.

Pertile ha spiegato che la sperimentazione «si basa sulla similitudine tra le celle fotovoltaiche e i fotorecettori dell’occhio». E ha ripercorso le tappe che hanno portato a vagliare questa potenziale terapia.

«Dopo aver sviluppato questo materiale innovativo, abbiamo pensato di iniettarne delle nanoparticelle sotto la retina – ha continuato Pertile -. Questa “retina artificiale liquida” è un progetto ancora in fase di sperimentazione sugli animali. Grazie a una serie di esperimenti siamo in grado di misurare il riflesso pupillare di questi animali, misurando il loro recupero della vista».

La speranza dell’esperta è che la sperimentazione sull’uomo possa essere avviata presto: «stiamo aspettando le prime autorizzazioni», ha detto. «Ragionevolmente non sarà prima del 2022, con un’attesa di altri due anni almeno prima dell’applicazione terapeutica».


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube