Diritto e Fisco | Articoli

A chi notificare l’atto di appello se la parte muore dopo la sentenza

5 febbraio 2014


A chi notificare l’atto di appello se la parte muore dopo la sentenza

> Diritto e Fisco Pubblicato il 5 febbraio 2014



La notifica dell’atto di impugnazione va fatta presso l’ultimo domicilio del deceduto; quella presso l’avvocato domiciliatario è nulla, salvo la costituzione in giudizio degli eredi che sana la nullità.

Qualora, dopo il deposito e pubblicazione di una sentenza (sia essa di primo grado o di appello) una delle parti muoia, potrebbero sorgere problemi di notifica per chi intenda impugnare (rispettivamente in secondo grado o in Cassazione) tale provvedimento. A chi, infatti, andrà notificato l’atto di impugnazione?

A spiegare tale questione interviene una recente sentenza della Cassazione [1] che cercheremo, qui, di illustrare brevemente.

La Suprema Corte è molto chiara: se una parte muore dopo la pubblicazione della sentenza di primo o di secondo grado, per impugnare la sentenza l’altra parte dovrà notificare l’atto di appello o il ricorso per cassazione agli eredi presso l’ultimo domicilio del defunto.

La notificazione potrà essere fatta:

– sia personalmente a ciascun erede

– oppure impersonalmente a tutti gli eredi.

Invece, la notificazione effettuata nei confronti degli eredi presso l’avvocato domiciliatario del defunto è nulla. Tuttavia si tratta di una nullità sanabile con la costituzione in giudizio degli eredi stessi.

note

[1] Cass. sent. n. 27740 dell’11.12.2013.

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI