Diritto e Fisco | Articoli

A chi notificare l’atto di appello se la parte muore dopo la sentenza

5 Febbraio 2014
A chi notificare l’atto di appello se la parte muore dopo la sentenza

La notifica dell’atto di impugnazione va fatta presso l’ultimo domicilio del deceduto; quella presso l’avvocato domiciliatario è nulla, salvo la costituzione in giudizio degli eredi che sana la nullità.

Qualora, dopo il deposito e pubblicazione di una sentenza (sia essa di primo grado o di appello) una delle parti muoia, potrebbero sorgere problemi di notifica per chi intenda impugnare (rispettivamente in secondo grado o in Cassazione) tale provvedimento. A chi, infatti, andrà notificato l’atto di impugnazione?

A spiegare tale questione interviene una recente sentenza della Cassazione [1] che cercheremo, qui, di illustrare brevemente.

La Suprema Corte è molto chiara: se una parte muore dopo la pubblicazione della sentenza di primo o di secondo grado, per impugnare la sentenza l’altra parte dovrà notificare l’atto di appello o il ricorso per cassazione agli eredi presso l’ultimo domicilio del defunto.

La notificazione potrà essere fatta:

– sia personalmente a ciascun erede

– oppure impersonalmente a tutti gli eredi.

Invece, la notificazione effettuata nei confronti degli eredi presso l’avvocato domiciliatario del defunto è nulla. Tuttavia si tratta di una nullità sanabile con la costituzione in giudizio degli eredi stessi.


note

[1] Cass. sent. n. 27740 dell’11.12.2013.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube