In arrivo altri buoni spesa per le famiglie

21 Novembre 2020 | Autore:
In arrivo altri buoni spesa per le famiglie

Il Consiglio dei ministri approva nel decreto Ristori-ter un nuovo finanziamento di 400 milioni di euro per le prime necessità dei meno abbienti.

Altri 400 milioni di euro per rinnovare i buoni spesa per le famiglie maggiormente in difficoltà economica. Lo prevede il decreto Ristori-ter approvato nella notte dal Consiglio dei ministri. I buoni, già introdotti durante la prima ondata della pandemia di Covid, verranno nuovamente erogati dai Comuni. Erano stati, infatti, gli enti locali a chiedere più volte al Governo di rifinanziare l’iniziativa sulla quale c’è stato consenso bipartisan.

I buoni spesa sono utilizzabili solo per l’acquisto di prodotti alimentari o di prima necessità e sono spendibili negli esercizi commerciali individuati da ogni Comune. In alternativa, le amministrazioni locali possono decidere di non erogare i buoni (magari perché si tratta di realtà piccole in cui mancano determinati esercizi) ma di consegnare la spesa a domicilio ai soggetti o alle famiglie indigenti.

Ogni sindaco stabilisce le modalità di assegnazione e le procedure per presentare la domanda necessaria ad ottenere i buoni spesa, così come la platea di famiglie che ne possono beneficiare. Hanno la priorità i nuclei che non ricevono altri aiuti come, ad esempio, il Reddito di cittadinanza.

In media, l’importo del buono spesa varia da 300 a 500 euro a seconda dei componenti del nucleo familiare.

Quanto ai requisiti, come detto, ciascun Comune è libero di stabilire le proprie condizioni. In genere, vengono tenuti in considerazione:

  • la residenza nel Comune;
  • il tipo di nucleo familiare;
  • il patrimonio immobiliare (casa con mutuo, affitto, ecc.);
  • disponibilità sul conto corrente;
  • situazione lavorativa;
  • dichiarazione Isee;
  • eventuali aiuti percepiti dallo Stato.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube