3 modi per difendersi da un accertamento fiscale

8 Febbraio 2021 | Autore:
3 modi per difendersi da un accertamento fiscale

Quali strumenti il legislatore mette a disposizione per evitare al contribuente l’azione esecutiva da parte dell’amministrazione finanziaria?

È il timore di tutti che, spesso, si tramuta in realtà: il controllo fiscale da parte dell’Agenzia delle Entrate. Nonostante tu possa aver pagato tutto quello che il tuo commercialista ti ha riferito di dover pagare, non sei mai sicuro di quello che ti aspetta. Ci sarà sempre quell’errore di calcolo nelle imposte, quella mancata contabilizzazione di un assegno, quell’errore nel versamento che ti farà rischiare un accertamento fiscale dopo una verifica. Come difendersi?

In questo articolo, dopo aver analizzato brevemente le caratteristiche di un controllo fiscale, scoprirai 3 modi per difendersi da un accertamento fiscale. Parleremo degli strumenti che il legislatore mette a disposizione del contribuente per tutelare il proprio patrimonio e, così, evitare che quell’accertamento, come una spada di Damocle, possa minacciare il tuo futuro lavorativo e familiare.

In cosa consiste l’accertamento fiscale?

Si tratta di un’operazione effettuata dall’ente accertatore, solitamente l’Agenzia delle Entrate, il quale, avendo notato delle irregolarità nella posizione contributiva di una persona (fisica, o giuridica), procede alla notifica di un atto contenente le contestazioni che vengono fatte alla propria posizione fiscale.

In breve, si tratta di un atto impositivo generato da un’attività di controllo dell’amministrazione finanziaria con il quale si comunicano le norme che si presume siano state violate dal contribuente.

L’atto viene ricevuto tramite notifica:

  • da parte dei messi comunali;
  • o tramite notifica dell’ufficiale giudiziario.

Una volta ricevuto l’atto, non resterà che affidarti ad uno specialista del settore, quale un avvocato tributarista o il tuo commercialista (meglio se entrambi) al fine di capire se quelle contestazioni siano giuste o illegittime.

In cosa consistono le verifiche fiscali?

Si tratta di operazioni di polizia amministrativa finalizzate a prevenire, o a reprimere, azioni volte a combattere l’evasione fiscale.

I controlli vengono avviati d’ufficio, o tramite l’impulso di un cittadino, e coltivati dai funzionari dell’Agenzia delle Entrate, di concerto con la Guardia di Finanza, chiamata ad eseguire le indagini sui luoghi.

Il contribuente non conoscerà le indagini in corso fino a quando non gli verrà notificato l’avviso di accertamento, a causa del quale dovrà provvedere alle dovute difese legali. Infatti, in tema di diritti e garanzie del contribuente sottoposto a verifiche fiscali, difatti, non sussiste per l’amministrazione finanziaria alcun obbligo di contraddittorio endoprocedimentale per gli accertamenti, fondati su indagini cosiddette a tavolino, portate avanti solo da verifiche telematiche, senza l’ausilio dell’ispezione o della verifica nei locali destinati all’esercizio dell’attività del contribuente.

Una volta esaurite le indagini, il contribuente può essere convocato dal funzionario dell’Agenzia delle Entrate; in quel caso, avrà la possibilità di chiarire la propria posizione processuale.

Diversamente, riceverà direttamente l’avviso di accertamento. In quel caso, le soluzioni che ha il contribuente a disposizione sono due:

  • ammettere l’irregolarità contributiva e procedere al pagamento di quanto accertato fiscalmente, aumentato di interessi e sanzioni;
  • contestare quell’accertamento con gli strumenti messi a disposizione dal legislatore, come di seguito indicati.

Difesa in autotutela

È il modo più economico per far valere le proprie ragioni, senza ricorrere alle odiose spese legali. Infatti, per quanto sia vivamente consigliato far redigere quest’atto ad un legale, il contribuente può procedere in autonomia, non essendo necessario l’ausilio di un avvocato.

In pratica, si chiede all’amministrazione finanziaria di provvedere d’ufficio all’annullamento dell’accertamento fiscale, in quanto illegittimo. Nell’atto occorrerà, ovviamente, indicare i motivi per cui si ritiene che tale atto sia illegittimo: maturata prescrizione, errore nei calcoli, errore di persona, avvenuti pagamenti e quant’altro sia suscettibile di valutazione oggettiva, priva di discrezionalità.

C’è sempre il rovescio della medaglia: se da un lato l’azione è praticamente esente da spese legali, dall’altro l’amministrazione finanziaria non sarà obbligata a rispondere, ma avrà semplicemente una facoltà, a prescindere dall’evidente ragione che il contribuente ha.

Ciò significa che, per tutelarti, dovrai pure pensare alla soluzione giudiziale, al fine di evitare che le tue ragioni rimangano definitivamente precluse.

Accertamento con adesione

Si tratta di una sorta di patteggiamento che il contribuente raggiunge con l’amministrazione finanziaria e che permette al primo di ottenere uno sconto per il riconoscimento del debito.

In pratica, grazie a questo accordo, potrai ottenere la riduzione delle sanzioni nella misura di un terzo del minimo previsto dalla legge, evitando anche le eventuali sanzioni penali previste.

In cambio, il contribuente dovrà pagare la somma concordata con l’atto di adesione entro venti giorni, così regolarizzando la sua posizione con i suoi enti creditori.

La mediazione obbligatoria

Visto il grande carico di ruolo a cui soggiacevano le commissioni tributarie, il legislatore ha ideato questa forma di deflazione che dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) ridurre il contenzioso tributario.

Tale mediazione può essere presentata unitamente con il ricorso giudiziale (vedremo al punto successivo) e nel caso in cui non si dovesse arrivare ad una soluzione, si potrà procedere con il classico procedimento giudiziale.

Con la mediazione, il contribuente ha un beneficio economico, tradotto in riduzione delle sanzioni al 35% del minimo previsto dalla legge.

Tale procedura è stata resa obbligatoria per gli atti impositivi contenenti un importo non superiore a 50mila euro; per gli importi superiori l’istanza potrà essere presentata, ma non è considerata condizione di procedibilità.

Il ricorso giudiziale

Se non dovesse essere sufficiente l’intervento bonario, allora saresti costretto ad agire in giudizio, con l’impugnazione dell’accertamento fiscale presso la competente commissione tributaria provinciale.

Tale azione deve essere intrapresa entro sessanta giorni dalla notifica dell’atto che si intende contestare. Entro questo termine, dovrai procedere alla notifica del ricorso (contenente anche l’istanza di reclamo, o mediazione) all’ente accertatore.

Successivamente, l’atto dovrà essere depositato presso la cancelleria della commissione provinciale. Grazie alle nuove modalità telematiche, potrai evitare l’accesso fisico presso i luoghi, procedendo all’iscrizione virtuale del fascicolo telematico.

Una volta depositato il ricorso, occorrerà attendere la fissazione dell’udienza da parte della sezione a cui è stato destinato il tuo fascicolo. Se hai fatto istanza per ottenere la sospensione, l’udienza sarà fissata con congruo anticipo, al fine di permettere a te, in qualità di contribuente, di limitare i danni da un’eventuale azione esecutiva dell’ente accertatore.

Viceversa, i tempi si allungano e, a seconda della mole di lavoro della commissione, potrebbero volerci svariati mesi per ottenere la fissazione dell’udienza. Nel mentre, potrai monitorare il fascicolo d’ufficio e verificare se l’ente accertatore sia o meno costituito; in caso positivo, potrai estrarre le copie delle sue difese e dei relativi allegati.

Una volta ricevuta la notifica del decreto di fissazione dell’udienza, potrai, quindi, preparare le difese conclusive, replicando a quanto scritto da controparte. Per fare ciò, avrai a disposizione due termini:

  • uno per depositare ulteriori documenti, pari ad almeno venti giorni prima dalla data fissata per l’udienza;
  • uno per depositare memorie illustrative, almeno dieci giorni prima dell’udienza di trattazione.

L’udienza si potrà svolgere pubblicamente, in presenza di terze parti, o in camera di consiglio, a seconda che il ricorrente abbia o meno fatto istanza per la trattazione in pubblica udienza. In epoca di pandemia, per evitare un afflusso consistente di avvocati e clienti, è stata disposta una terza possibile via di trattazione, quella scritta: sia il contribuente, che l’ente accertatore avranno la possibilità di depositare delle brevi note contenenti le sole istanze e conclusioni riportate nei propri atti. Si tratta di un vero e proprio verbale d’udienza preventivo.

A differenza di quanto succede in ambito civile, il processo tributario non funziona ad impulso di parte. Ciò significa che, anche in assenza delle parti, l’udienza verrà svolta e la commissione potrà decidere delle richieste presentate negli atti di giudizio e, così, pronunciare la sentenza richiesta.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube