Diritto e Fisco | Articoli

Ricorsi contro multe e safety tutor: quale giudice competente per territorio

12 Febbraio 2014
Ricorsi contro multe e safety tutor: quale giudice competente per territorio

Se di norma è territorialmente competente a decidere sulle impugnazioni il giudice del luogo in cui è stata commessa la violazione, nel caso di Tutor la competenza è del giudice del luogo di residenza del conducente.

Generalmente le opposizioni presentate davanti al giudice contro i verbali di accertamento di violazione del Codice della strada [1] vanno presentate davanti al giudice di pace del luogo in cui è stata commessa la violazione [2].

Questa regola, però, conosce un’eccezione nel caso delle multe per superamento dei limiti di velocità [3] accertate con “Safety Tutor”. Con riguardo a detti sistemi di controllo elettronico, la Cassazione ha ritenuto [4] competente a decidere il giudice di pace del foro del trasgressore. Ciò perché, in tali casi, non è possibile risalire al punto esatto nel quale l’infrazione è stata commessa. È noto, infatti, che il sistema Safety Tutor accerta la velocità media dell’automobilista tenuta su un ampio tratto di strada e non è in grado, invece, di stabilire un luogo preciso ove il limite è stato superato.

A riguardo, il codice di procedura penale [5] stabilisce che, qualora la competenza del giudice non possa essere determinata sulla base del luogo in cui l’illecito è stato consumato, deve ritenersi competente il giudice dell’ultimo luogo in cui è avvenuta una parte dell’azione o dell’omissione e, qualora il luogo sopra indicato non sia noto, la competenza appartiene al giudice della residenza, della dimora o del domicilio dell’imputato.

Sempre sulla base di tale norma, laddove fa riferimento all’ultimo luogo in cui è avvenuta una parte dell’azione o dell’omissione, una seconda sentenza della Cassazione [6] ha affermato che i soggetti interessati possono eventualmente proporre opposizione anche al giudice di pace ove è situata la porta di uscita del sistema di controllo.

Omessa comunicazione dei dati del conducente

Infine, un discorso a parte merita la dibattuta questione riguardante i verbali per omessa comunicazione delle generalità del trasgressore [7], ai fini della decurtazione dei punti della patente o della sanzione pecuniaria (per un approfondimento sul problema leggi: “Multe: occhio all’avviso di comunicazione dei dati del conducente. Come difendersi”).

In caso di ricorsi contro tali contestazioni, il ministero dell’Interno e l’Avvocatura dello Stato [8], hanno ritenuto che competente a decidere è il giudice di pace del luogo in cui ha sede l’organo di polizia che ha dato inizio al procedimento sanzionatorio. La stessa Cassazione [9] si è conformata a tale orientamento (leggi l’articolo nel box “Precedenti favorevoli”).


note

[1] Di cui all’articolo 204-bis cod. str.

[2] Art. 7 del Dlgs 1° settembre 2011, n. 150, comma 2.

[3] Art. 142 cod. str.

[4] Cass. sent. n. 23881 del 15.11.2011.

[5] Art. 9 cod. proc. pen.

[6] Cass. sent. n. 9486 dell’11.06.2012.

[7] Artt. 180, comma 8, e 126-bis, comma 2 cod. str.

[8] Min. Interno e Avvocatura di Stato, circolare M/2413/28 del 2 aprile 2007.

[9] Cass. ord. n. 26184/13.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube