Cronaca | News

Covid, zone rosse: novità da venerdì

25 Novembre 2020 | Autore:
Covid, zone rosse: novità da venerdì

Lombardia e Piemonte verso la zona arancione: lo consentono i dati delle ultime due settimane. Nuovo provvedimento di Speranza.

Due regioni potrebbero allentare le misure anti-Covid da venerdì. Si tratta di Lombardia e Piemonte, due delle regioni finite in zona rossa fin dall’approvazione del Dpcm, all’inizio di novembre. Proprio venerdì 27 novembre, entrambe sarebbero tecnicamente nella condizione di diventare regioni arancioni, secondo i dati rilevati sull’andamento della pandemia e le norme dettate dal decreto firmato da Giuseppe Conte ancora in vigore.

In pratica, un territorio può migliorare la propria condizione, e quindi adottare misure meno restrittive, se nei 14 giorni precedenti è stata tecnicamente in una fascia inferiore. Per capirci, Lombardia e Piemonte stanno per concludere la terza settimana in zona rossa. Ma nelle ultime due, i dati le collocano già in zona arancione. Significa che da venerdì i governatori, Attilio Fontana e Alberto Cirio, possono allentare la corda, nonostante il ministro della Salute, Roberto Speranza, abbia preventivamente prorogato fino al 3 dicembre l’ordinanza che lascia le due regioni in rosso insieme a Calabria e Valle d’Aosta.

Proprio ieri, Speranza ha firmato un altro provvedimento che conferma fino al 3 dicembre le misure restrittive nella Provincia autonoma di Bolzano come zona rossa e per le arancioni Basilicata, Liguria e Umbria.

Ad oggi, ed almeno fino all’entrata in vigore del nuovo Dpcm che dovrebbe essere chiuso entro domenica e che verrà presentato settimana prossima in Parlamento, non è possibile spostarsi nelle regioni rosse e arancioni se non per motivi di lavoro, di salute e di comprovata necessità, giustificate con un’autocertificazione.

Intanto, il governatore dell’Alto Adige, Arno Kompatscher, ha revocato il lockdown totale, deciso autonomamente e più severo rispetto alle misure previste per le zone rosse. Lunedì 30 novembre riaprono i negozi, i mercati, i parrucchieri e gli estetisti. Riprende anche la didattica in presenza per la prima media, mentre il 4 novembre apriranno tutte le scuole, come anche bar e ristoranti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. La pandemia è globale eppure alcuni Paesi, come la Germania, sono messi meglio di noi e registrano un numero nettamente inferiore di morti. Cosa non ha funzionato? Come siamo arrivati a questo punto? Io poi ho tanti dubbi sulla gestione di questa seconda ondata e sono tante le problematiche sui vaccini antinfluenzali che mancano, portano a chiederci come saremo in grado di coordinare e distribuire l’unica speranza che resta, i primi vaccini contro il Covid19.

Rispondi a Fabiano Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube