Covid: perché le donne in gravidanza sono più protette

25 Novembre 2020
Covid: perché le donne in gravidanza sono più protette

Essere incinte vuol dire possedere una protezione speciale dal virus, risparmiando una sintomatologia pesante. 

Le donne, specie quelle in gravidanza, hanno un superpotere: resistono più degli uomini al Coronavirus, sviluppandolo più raramente in forma grave. È quanto risulta da una ricerca dell’Università dell’Illinois a Chicago che è anche un po’ italiana: a firmare il lavoro, un team di studiosi guidato da Graziano Pinna, neuropsichiatra sardo.

La ricerca, di cui dà notizia l’agenzia di stampa Adnkronos, è stata pubblicata su Trends in Endocrinology and Metabolism e si intitola «Sesso e Covid-19: un ruolo protettivo per gli ormoni steroidei riproduttivi». Indaga sui motivi delle differenze di genere nello sviluppo della malattia.

Il segreto di questa maggiore resistenza nelle donne, in particolare in quelle incinte, potrebbe nascondersi negli ormoni femminili, che offrirebbero una maggiore protezione. Infatti, come spiegano i ricercatori, gli estrogeni, il progesterone e il suo metabolita fisiologicamente attivo, l’allopregnanolone, svolgono una funzione antinfiammatoria, sollecitano la produzione di anticorpi, stimolano la riparazione delle cellule epiteliali respiratorie e bloccano il recettore Ace2, la porta di accesso sfruttata dal Covid.

In tal modo riuscirebbero a proteggere meglio le donne dai sintomi. Ancora di più quelle in dolce attesa, per una presenza di ormoni più massiccia. «Gli ormoni che aiutano a portare avanti la gravidanza, come il progesterone, sono cento volte più concentrati nel terzo trimestre. Estradiolo, allopregnanolone e progesterone hanno tutti importanti funzioni antinfiammatorie e sono coinvolti nel sistema immunitario».

Oltre a una frequenza maggiore di sintomi gravi negli uomini rispetto alle donne, gli esperti hanno anche osservato che, mentre le donne in gravidanza positive al Covid erano generalmente asintomatiche, quelle che avevano partorito da poco rischiavano di sviluppare la malattia in forma pesante.

A marzo, i primi casi esaminati dai ricercatori hanno mostrato che molte donne hanno sviluppato sintomi anche gravi subito dopo il parto, anche con ricovero in terapia intensiva. Questo potrebbe essere dovuto a un rapido calo di estradiolo, progesterone e allopregnanolone, che è equivalso a un venir meno di una naturale protezione dal Covid.

«La correlazione è stata davvero sorprendente. Le donne incinte hanno 15 volte meno probabilità di morire di Covid rispetto alle altre – ha aggiunto Pinna -. Questa osservazione sulle donne in gravidanza fornisce un background scientifico significativo, non solo sul motivo per cui le donne sono più protette degli uomini, ma anche sul motivo per cui le persone anziane sono meno protette rispetto ai giovani: sappiamo infatti che con l’invecchiamento gli ormoni si riducono».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube