Cronaca | News

Covid: così i cani fiutano chi è positivo al virus

25 Novembre 2020
Covid: così i cani fiutano chi è positivo al virus

Sperimentazioni e studi in tutto il mondo per avere conferma del superpotere di questi animali. 

In diversi Paesi, europei e non, si sta testando un particolare tipo di strumento per la diagnosi del Coronavirus: il cane. Pare, infatti, che il miglior amico dell’uomo sia in grado di riconoscere a naso – letteralmente – un contagiato.

Non è ancora chiarito al cento per cento come questo accada. Tra l’altro è escluso, per ora, che Fido possa sostituire i tradizionali tamponi. Ma è un dato di fatto che in molte sperimentazioni in corso ormai in tutto il mondo i cani abbiano sfoderato una particolare abilità nella rilevazione del Covid, anticipando i risultati dei test. È successo in Finlandia, Arabia Saudita, Libano.

La prudenza è d’obbligo, perché gli scienziati, per essere sicuri, vogliono studi su vasta scala: quasi tutti quelli in corso non sono stati ancora sottoposti a revisione o pubblicati, quindi il livello di affidabilità va ancora vagliato come premette Wired, che oggi ha dedicato un approfondimento al tema.

È comunque una questione di olfatto. Superolfatto quando si tratta di Fido, che possiede qualcosa come 300 milioni di recettori, a fronte dei 6 scarsi dell’uomo. La rivista scientifica Nature ha raccontato di una videoconferenza tra ricercatori che stanno sondando questa strada, dove si è fatto il punto su alcuni dei test in corso.

A Beirut, per esempio, alcuni cani sono stati addestrati ad annusare campioni di sudore di persone contagiate, per imparare a riconoscere «l’odore dell’infezione». Dopo l’addestramento sono stati messi alla prova in un aeroporto, dove hanno annusato circa 1600 viaggiatori. Quando rilevavano il virus, dovevano sedersi: si sono seduti 158 volte e nella maggioranza dei casi la positività è stata confermata dai tamponi molecolari, con una precisione del 92%.

C’è anche chi è scettico al riguardo. Al momento, l’unico studio pubblicato, su questo superpotere dei cani, è tedesco. In tal caso, gli animali hanno dovuto odorare campioni di materiale prelevato dalle vie respiratorie di 14 persone, 7 negative e 7 positive al Covid. Hanno riconosciuto il 96% dei casi negativi e l’83% dei casi positivi. Si obietta che la sperimentazione sia stata condotta su un numero troppo piccolo di casi per essere affidabile.

Non è comunque la prima volta che il fiuto canino viene utilizzato in ambito sanitario. Questi animali sarebbero capaci anche di riconoscere altre malattie, come la malaria e alcune tipologie di tumore. Ma come fanno? Non c’è ancora una risposta precisa. Si pensa che, a causa della patologia, l’organismo possa sprigionare dei composti organici volatili. L’evaporazione delle loro molecole nell’aria originerebbe un odore che i cani sanno fiutare. Ma, per ora e in assenza di evidenze scientifiche, è solo un’ipotesi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube