Diritto e Fisco | Articoli

Cosa succede se ho torto in un incidente?

27 Novembre 2020
Cosa succede se ho torto in un incidente?

Sinistro stradale: quali sono le conseguenze sul risarcimento e sulla classe di merito del conducente responsabile?

Un nostro lettore ci chiede: «Cosa succede se ho torto in un incidente?». Ci sono diverse questioni da analizzare. Ad esempio, chi paga i danni al danneggiato? Quando si subisce un aumento di classe di merito nella polizza Rc-auto? Che succede se il responsabile non è assicurato? Il danneggiante ha la possibilità di farsi riparare l’auto dalla propria assicurazione? Ecco le risposte a tutte le domande in materia di infortunistica e incidenti stradali.  

Chi paga in caso di incidente stradale?

In un incidente stradale ove sono coinvolte solo due auto, il danneggiato che non ha colpa deve rivolgere la richiesta di risarcimento alla propria compagnia di assicurazioni che lo indennizzerà entro 60 giorni in caso di danni solo ai veicoli ed entro 90 giorni in caso di danni a persone. 

L’assicurazione del danneggiato poi si rivarrà nei confronti dell’assicurazione del danneggiante la quale sosterrà l’intera spesa e aumenterà di classe il proprio assicurato.

Ciascun automobilista quindi deve fare la denuncia di sinistro solo alla propria compagnia, quella cioè con cui ha in corso il rapporto contrattuale. 

Quanto aumenta la classe di merito dopo un incidente stradale?

L’assicurazione del responsabile, che copre tutti i danni subiti dal danneggiato entro il limite del cosiddetto «massimale» di polizza, si rivale sul proprio cliente aumentando la sua “classe” di merito di due scaglioni. Così, ad esempio, chi aveva una classe di merito pari a 10 passa a 12. L’unica conseguenza di un incidente con danni solo ai veicoli è quindi l’incremento di due classi di merito.

Attenzione però: l’aumento della classe di merito consegue solo nel caso in cui all’automobilista sia riconosciuta una responsabilità pari ad almeno il 51%. Per cui, in caso di concorso di colpa, con responsabilità paritaria (ossia al 50%), nessuno dei due automobilisti subirà l’aumento della classe di merito.

Invece, in caso di incidente con danni ai passeggeri, se questi riportano lesioni gravi, il responsabile potrà subire anche un procedimento penale per i reati di «lesioni colpose» o, nella peggiore delle ipotesi, per quello di «omicidio stradale».

Che succede se il responsabile non è assicurato?

Nel caso di incidente provocato da automobilista privo di assicurazione o con l’assicurazione scaduta, il risarcimento al danneggiato viene erogato dal Fondo di Garanzia Vittime della Strada a cui va inoltrata la relativa domanda di indennizzo. Quest’ultimo poi si rivale contro il responsabile, chiedendogli la restituzione della somma versata al danneggiato e, in caso contrario, pignorandogli i beni personali. Resta ferma la responsabilità penale per il caso di lesioni gravi.

Che succede se l’automobile del responsabile è di un’altra persona?

Potrebbe succedere che a condurre l’automobile responsabile dell’incidente sia una persona diversa dal suo proprietario. In tali casi, l’eventuale responsabilità penale resta in capo al conducente mentre le conseguenze civili, ossia l’obbligo di risarcimento, ricade sul titolare del veicolo che sarà coperto comunque dalla propria compagnia di assicurazioni.

Che succede se arriva la polizia dopo l’incidente?

Di solito, la polizia si reca sul luogo del sinistro solo quando ci sono feriti. In tali casi, viene redatto un verbale che resta a disposizione delle assicurazioni con le quali le stesse possono valutare di chi è la responsabilità del sinistro. 

È obbligo degli automobilisti coinvolti in un sinistro con feriti di non allontanarsi dal luogo del sinistro se prima non sono arrivati gli agenti. Chi se ne va via, anche dinanzi a lesioni giudicate lievi, commette il reato di fuga e sarà processato penalmente.

Che succede agli eventuali passeggeri?

Eventuali passeggeri presenti sull’auto del danneggiante o del danneggiato vengono sempre risarciti dall’assicurazione del veicolo su cui erano condotti, e ciò a prescindere dall’eventuale responsabilità del relativo conducente. Quindi, chi viene trasportato sulla macchina del responsabile dell’incidente riceve il risarcimento dall’assicurazione di quest’ultimo a cui dovrà rivolgersi affinché sia quantificato il relativo importo. 

Il responsabile dell’incidente ha diritto a un risarcimento?

Il responsabile del sinistro stradale non ha diritto a farsi risarcire alcun danno, né al veicolo né fisico, a meno che non abbia stretto un’apposita assicurazione personale diversa dalla Rc-auto obbligatoria.

Quindi, quest’ultimo dovrà necessariamente far riparare il veicolo incidentato con i propri soldi. 

Che succede se l’incidente vede coinvolte più auto?

Se l’incidente in cui sono coinvolte più auto è provocato dalla condotta negligente di un solo conducente è all’assicurazione di quest’ultimo che si deve inoltrare la richiesta di risarcimento.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube