Diritto e Fisco | Articoli

Autobus in ritardo: si può chiedere il risarcimento?

29 Novembre 2020
Autobus in ritardo: si può chiedere il risarcimento?

Rimborso del biglietto e danni morali a chi fa tardi: cosa prevede la legge?

Un nostro lettore ci fa presente che, per colpa del ritardo dell’autobus di linea, da questi utilizzato per recarsi al lavoro, ha già subìto, sino ad oggi, tre sanzioni disciplinari. Temendo che l’episodio possa verificarsi di nuovo in futuro, ci chiede come potersi tutelare e se l’attuale normativa preveda quantomeno il diritto al rimborso del prezzo pagato per il biglietto. In caso di autobus in ritardo si può chiedere il risarcimento? Ecco alcuni importanti suggerimenti.

Autobus in ritardo: rimborso del biglietto

Non c’è alcuna norma che preveda il diritto al rimborso del biglietto per il ritardo dell’autobus del TPL, ossia del Trasporto Pubblico Locale. Si tratta dei mezzi di linea a breve percorrenza: tanto per intenderci quelli che si muovono nel territorio urbano o extraurbano. Il passeggero quindi non è tutelato. E questo perché molto spesso il ritardo è dovuto al traffico o a cause di forza maggiore come un guasto del veicolo.

Le cose vanno diversamente per quanto riguarda gli autobus a lunga percorrenza di almeno 250 km. In questo caso, il Regolamento UE n. 181/2011, entrato in vigore il 1° marzo 2013, prevede una serie di tutele. Tutele però che operano solo se l’autobus non parte all’orario giusto dalla fermata o non parte affatto e non anche quando il ritardo viene accumulato nel corso del viaggio (per ragioni di traffico, di blocchi stradali o di altri imprevisti).

In particolare:

  • per i ritardi superiori a 90 minuti, se il viaggio è superiore a 3 ore, oppure in caso di cancellazione della corsa, la compagnia deve farsi carico di garantire ai passeggeri una colazione e delle bevande gratuite. Nel caso in cui sia necessario far slittare il viaggio ad un giorno successivo, l’impresa di trasporto deve sostenere le spese di un’eventuale sistemazione in hotel per non più di 2 notti per un prezzo massimo per pernottamento di 80 euro;
  • per i ritardi superiori a 120 minuti, l’impresa di trasporto deve garantire il rimborso completo del biglietto di viaggio e, ove possibile, il ritorno gratuito in autobus al primo punto di partenza.

Autobus in ritardo: risarcimento del danno

Nel caso in cui il trasportato abbia subito un danno dal ritardo dell’autobus è sempre escluso il diritto al risarcimento del danno per brevi ritardi. Questo perché, con due importanti sentenze del 2008, la Cassazione ha escluso la possibilità di chiedere il risarcimento del danno morale per i piccoli fastidi della vita quotidiana. Dunque, il passeggero è chiamato a valutare l’eventualità di un ritardo del mezzo ed eventualmente a prendere il mezzo precedente per non rischiare. 

Al contrario, per i ritardi più protratti occorrerà dimostrare il danno subìto. In tal caso, se si tratta di un danno patrimoniale, ossia al portafogli, sarà necessario fornire la prova dell’occasione lavorativa persa o della perdita economica. Molto più difficile, se non impossibile, sarà dimostrare invece il danno non patrimoniale. In tale ipotesi, la giurisprudenza ammette il risarcimento solo nel caso in cui venga compromesso un diritto tutelato dalla Costituzione come, ad esempio, quello alla salute. Quindi, tanto per fare un esempio, un ritardo nella partenza di un autobus a lunga percorrenza che abbia impedito a una persona malata di farsi ricoverare per tempo in ospedale potrebbe essere apprezzato dal giudice come possibile causa di risarcimento del danno, sempre che non vi siano state soluzioni alternative al viaggio.  

 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube