Cronaca | News

Calabria: nominato il nuovo commissario

27 Novembre 2020
Calabria: nominato il nuovo commissario

Dopo tante false partenze, c’è il nome del dirigente che gestirà l’emergenza Coronavirus nella Regione e non solo.

Dovrà rimettere in sesto una sanità disastrata, oltretutto in piena pandemia. L’uomo giusto per farlo, secondo il Governo, è il prefetto Guido Longo. Il Consiglio dei ministri lo ha appena nominato commissario ad acta per l’attuazione del vigente Piano di rientro dai disavanzi del servizio sanitario della Calabria.

Longo è stato questore a Reggio Calabria. Ha lavorato a Palermo come capo della sezione Narcotici e Omicidi della Squadra mobile e poi come vice capocentro della Direzione investigativa antimafia (Dia). Sempre per la Dia ha lavorato a Roma e Napoli. Quand’era a Palermo ha condotto le indagini sulla strage di Capaci.

«È uomo delle istituzioni – ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte -. Ha sempre difeso la legalità».

La Calabria, dunque, ha finalmente un commissario alla Sanità, dopo tante traversie e dimissioni, in alcuni casi ancora prima di assumere l’incarico.

Si era partiti con la rinuncia di Saverio Cotticelli, commissario in carica fino a poche settimane fa, dopo un’imbarazzante intervista alla trasmissione di Rai 3 Titolo V, in cui sosteneva che la competenza alla stesura del piano anti-Covid per la regione non fosse sua.

È seguito Giuseppe Zuccatelli, incastrato anche lui da una gaffe: pochi giorni dopo la sua nomina è circolato un video in cui dichiarava che le mascherine non servono a un c…o e che il contagio poteva avvenire solo baciandosi in bocca per un quarto d’ora.

A quel punto, si era parlato dell’ex rettore della Sapienza Eugenio Gaudio, il quale, però, aveva problemi familiari non immediatamente specificati. A Repubblica ha poi spiegato che sua moglie non voleva saperne di trasferirsi a Catanzaro.

Vicende che avrebbero fatto sorridere, se solo l’argomento fosse stato meno serio. Sfumata anche l’ipotesi Gino Strada, reclamato a gran voce da Movimento 5 Stelle e Sardine, si è fatto il nome di prima di Narciso Mostarda poi dell’attuale presidente del Comitato tecnico scientifico (Cts) Agostino Miozzo.

L’ultimo retroscena parlava di una possibile nomina di Rosy Bindi, dal momento che Miozzo aveva chiesto al Governo di rientrare in servizio come medico, essendo in pensione. Ma proprio sul punto, oltre che sull’altra richiesta di avere un team di 25 persone ad affiancarlo, la trattativa si è arenata ed era spuntato il nome dell’ex presidentessa della Commissione antimafia.

Tempo che l’indiscrezione uscisse sui giornali ed è stata ufficializzata la nomina di Longo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube