Conti correnti: più facile il sequestro all’estero

30 Novembre 2020 | Autore:
Conti correnti: più facile il sequestro all’estero

Entra in vigore da domani il decreto che consente al creditore di recuperare i soldi depositati dal debitore in una banda di uno Stato Ue.

Sarà molto più semplice sequestrare un conto corrente aperto all’estero, in uno dei Paesi dell’Unione europea. Entra in vigore domani, 1° dicembre, il decreto legislativo che permette di effettuare questa richiesta anche dall’Italia [1]. In questo modo, viene consentita l’esecuzione futura del credito attraverso il trasferimento o il prelievo di somme depositate dal debitore in un conto acceso in uno Stato Ue, diverso da quello per il quale viene chiesto il sequestro e da quello in cui è domiciliato il creditore.

La richiesta di sequestro compete al giudice del luogo in cui è stato formato l’atto pubblico. Il debitore dovrà esserne informato entro 14 giorni dal sequestro del conto.

Nel caso in cui il creditore sappia che il debitore ha dei conti in un altro Paese membro dell’Unione ma non ne conosca gli estremi (numero, Iban, nome della banca, ecc.), ha la facoltà di chiedere all’autorità giudiziaria presso la quale è depositata la domanda di sequestro conservativo di richiedere informazioni in merito all’autorità competente dello Stato membro dell’esecuzione. Sarà questo Paese ad individuare il giudice competente per acquisire i dati necessari da inoltrare al creditore. Le ricerche avverranno con le modalità telematiche fissate dal Codice di procedura civile.

Per quanto riguarda i ricorsi, è possibile impugnare la richiesta di sequestro conservativo presso il tribunale in composizione collegiale, al quale non può partecipare il giudice che ha emanato il provvedimento di rigetto. Il debitore può anche proporre la revoca o la modifica dell’ordinanza europea chiesta dal creditore davanti allo stesso giudice che l’ha emessa.

Il debitore ha anche la possibilità di proporre opposizione davanti al tribunale del luogo in cui lui stesso ha la residenza o la sede (se persona giuridica) nel caso in cui l’ordinanza europea venga emessa in Italia.


note

[1] Dlgs n. 152/ 2020 del 26.10.2020.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube