Bonus vacanze 2021: entro quando fare domanda

30 Novembre 2020 | Autore:
Bonus vacanze 2021: entro quando fare domanda

Scade tra un mese il termine per richiedere il contributo fino a 500 euro da utilizzare nelle strutture ricettive italiane fino al 30 giugno.

Pensare alle ferie del 2021 quando stiamo ancora entrando nel mese di dicembre può sembrare fuori luogo. Invece sarà il caso farlo, soprattutto se si rientra in una determinata fascia di Isee che dà diritto al bonus vacanze 2021: il termine per presentare la domanda scade esattamente fra un mese, cioè il 31 dicembre.

Ci sono, dunque, quattro settimane di tempo per richiedere il contributo fino a 500 euro da utilizzare entro il 30 giugno 2021 nelle strutture che aderiscono all’iniziativa del Governo volta ad incentivare il turismo nel nostro Paese. Il bonus vacanze, infatti, è spendibile solo nelle strutture italiane: alberghi, bed & breakfast, agriturismi, ostelli, colonie o rifugi di montagna.

Hanno diritto all’agevolazione i nuclei familiari con un Isee inferiore a 40mila euro. Ma soltanto un componente del nucleo può beneficiarne.

Come per il 2020, anche per il 2021 il bonus vacanze ha importi diversi a seconda del nucleo familiare, ovvero:

  • 150 euro per i nuclei comporti da una sola persona;
  • 300 euro per i nuclei composti da due persone;
  • 500 euro per i nuclei composti da più di due persone.

L’80% di questo importo viene riconosciuto direttamente sotto forma di sconto dalla struttura alberghiera, mentre il restante 20% è da utilizzare come detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi. Se il costo del soggiorno è inferiore al contributo a cui si ha diritto, il bonus sarà pari alla somma da pagare all’albergatore ed il resto verrà perso.

La domanda va presentata entro il 31 dicembre prossimo attraverso l’app IO, alla quale si accede tramite Spid o carta d’identità elettronica. L’applicazione è collegata alla banca dati dell’Inps e verifica se il richiedente ha i requisiti necessari per poter fruire del bonus. In caso di esito positivo, il cittadino riceve un codice QR da mostrare all’albergatore. A quel punto, la richiesta non potrà più essere annullata.

Come detto, il bonus può essere utilizzato da una sola persona del nucleo familiare e per un solo soggiorno. Significa che chi ha diritto al bonus da 500 euro non può spenderlo, ad esempio, in due soggiorni da 150 euro ciascuno e in un terzo da 200 euro.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube